Calabria Mia

Francesco & Alessandro Tripodi

Calabria Mia” di Mino Reitano, eseguita dai fratelli Tripodi(Francesco & Alessandro).

TESTO

Eu pregu nott’e jornu lu Signuri
ca tutti i figghji toi hann’a turnari:
lu sannu ca tu si malata i cori,
lu sannu ca ‘ccussì nun poi campar,
Calabria mia!

Calabria mia,
li megghju figghji si ‘ndi jiru fora
pè fà fortuna câ catina o pedi
e tu restasti ‘nta sti quattru mura,
Calabria mia!

Calabria mia,
ca si siccaru puru li fjumari
e rimaniru sulu chjanti e fjuri,
lu nostru chjantu va à finiri à mari,
Calabria mia!

Calabria mia,
simu malati d’amuri, simu malati
comu sti mandulini e sti chitarri.
Chjangi stu cori di nostalgia,
chjangi pè tia, Calabria mia.
Chjangi stu cori di nostalgia,
chjangi pè tia, Calabria mia.

A mamma,
a mamma prega sempre a Madonna
ca voli li so’ figghji ntâ so’ terra.
E prega, e prega, e u cori chjangi e affanna,
ma si c’è lavoru cà ssu figghju torna.

Calabria mia,
simu malati d’amuri, simu malati
comu sti mandulini e sti chitarri.
Chjangi stu cori di nostalgia,
chjangi pè tia, Calabria mia.

Eh, chiagne sempre stu core
chiagne sempre de nostalgia.
Si mamma, stongo quà luntano ma
te scrivo questa lettera che…
pe’ ditte que stongo bene, staio bene,
E ce so’ tutti i tuoi paisani quà,
siamo sempre uniti, mamma.
Ca’ é bello ma stongo luntano
e tegno nostalgia, mamma,
e chiagne sempre stu core,
e chiagne sempre, mamma,
chiagne sempre di nostalgia.

TRADUZIONE

Io prego notte e giorno il Signore
perché tutti i tuoi figli tornino:
lo sanno che hai male al cuore,
lo sanno che così non puoi campare,
Calabria mia!

Calabria mia,
i tuoi figli migliori se ne sono andati
per far fortuna con la catena al piede
e tu sei rimasta fra queste quattro mura,
Calabria mia!

Calabria mia,
qui si sono seccati pure i fiumi
e sono rimasti solo canti e fiori.
Il nostro canto finirà nel mare,
Calabria mia!

Calabria mia,
siamo malati d’amore,
siamo malati
come questi mandolini e queste chitarre.
Piange di nostalgia questo cuore:
piange per te, Calabria mia.
Piange di nostalgia questo cuore:
piange per te, Calabria mia.

La mamma,
la mamma prega sempre la Madonna
perché vuole i suoi figli in questa terra.
E prega e prega e il cuore piange e s’affanna,
ma se c’è lavoro suo figlio tornerà qui.

Calabria mia,
siamo malati d’amore,
siamo malati.
Come questi mandolini e queste chitarre
piange di nostalgia questo cuore:
piange per te, Calabria mia.

Eh, piange sempre questo cuore,
piange sempre di nostalgia.
Sì mamma, sono qui, lontano, ma
ti scrivo questa lettera che…
per dirti che sto bene, starò bene,
e che qui ci sono tutti i tuoi paesani:
siamo sempre uniti, mamma.
Qui è bello, ma sono lontano
e sento nostalgia, mamma,
e piange sempre questo cuore,
e piange sempre, mamma,
piange sempre di nostalgia.