Vitti Na Crozza

Voce e fisarmonica

YouTube player

Vitti Na Crozza” alla fisarmonica. Pezzo cantato con Anna. Musica popolare siciliana.

Protagonista della canzone è “ ‘na crozza “, ovvero il teschio. La maggior parte delle persone ha sempre ritenuto che il famoso ” ‘cannuni “, dove si trova il teschio, protagonista della canzone, fosse il pezzo di artiglieria cilindrico utilizzato per fini bellici, e che la canzone si riferisca ad un tragico evento di guerra. Ma così non è!. La “voce del teschio”, implorerebbe una degna sepoltura e onoranze funebri che possano accompagnarlo nell’aldilà, dopo un’esistenza di stenti, contrassegnata dal duro lavoro. Ecco tre versioni della canzone:

TESTO

(Versione 1)

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiusu e ci vosi spiari
idda m’arrispunnìu cu gran duluri
murivu senza toccu di campani.

Si nni jeru, si nni jeru li mè anni
si nni jeru si nni jeru un sacciu unni
ora ca sugnu vecchiu di tant’anni
chiamu la vita e morti m’arrispunni.

Cunzàtimi cunzàtimi stu lettu
ca di li vermi su mangiatu tuttu
si nun lu scuntu cca lu me piccatu
lu scuntu a l’àutra vita a chiantu ruttu.

C’è nu jiardinu ‘mmezzu di lu mari
tuttu ntissutu di aranci e ciuri
unni l’aceddi ci vannu a cantari
puru li pisci ci fannu l’amuri.

(Versione 2)

Vitti na crozza supra lu cannuni
fui curiusu e ci vosi spiari
idda m’arrispunnìu cu gran duluri
murivi senza toccu di campani.

Si nni jeru, si nni jeru li mè anni
si nni jeru si nni jeru un sacciu unni
ora ca sù arrivatu a uttant’anni
la vita chiamu e la morti arrispunni.

Cunzàtimi, cunzàtimi stu lettu
ca di li vermi sù mangiatu tuttu,
si non lu scuntu ca lu me piccatu
lu scuntu all’autra vita a sangu ruttu.

(Versione 3)

C’è nu giardinu ammenzu di lu mari
tuttu ‘ntissutu d’aranci e ciuri,
tutti l’aceddi ci vannu a cantari,
puru li pisci ci fannu l’amuri.

Senti li trona di lu Mungibeddu
chi ghietta focu e fiammi di tutti i lati;
oh Bedda Matri, Matri addulurata,
sarva la vita mia e d’ ‘a mia amata.

Vitti na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m’arrispunniu cu gran duluri:
“Murivi senza toccu di campani”.

Sinni eru, sinni eru li me anni
chiangennu sinni eru, cun gran duluri…
ca’ si putissi ancora chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.

…Ah si putissi ancora, chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.

Lascia un commento