Ganduscio – Guarda chi vita fa lu zappaturi

Nel 1955, a Firenze, Giuseppe Ganduscio (Ribera 1925 – Firenze 1963) scrive la poesia Lu viddanu, che è alla base del canto Guarda chi vita fa lu zappaturi, scritto dallo stesso Ganduscio su tema musicale popolare siciliano tratto dal Corpus di musiche popolari siciliane di Alberto Favara, e portato al successo dagli anni Sessanta in poi da Rosa Balistreri e da Dario Fo che lo inserì nel suo Ci ragiono e canto, spettacolo di canti popolari di tutta Italia.

TESTO


Guarda chi vita fa lu zappaturi
ca notti e jornu suda e ’un havi locu
parti di notti e po’ torna a vint’uri
d’invernu all’acqua e di stati a lu focu.
Po’ vidi ca a lu ventu s’affatica
lu so’ travagghiu ingrassa li patruna
di tanti gregni ’un ci resta ’na spica
li so picciotti chiancinu diuna.
E pensa ccu la menti scuitata
l’ham’ a canciari ’sta sorti mischina.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]