Quaderni di Cultura Sarda – Deus ti Salvet Maria

Deus ti Salvet Maria

Quaderni di Cultura Sarda

YouTube player

Deus ti Salvet Maria“, Festeggiando San Maurizio.

Deus ti salvet Maria” (noto anche semplicemente come Ave Maria sarda) è un canto devozionale appartenente alla tradizione sarda, scritto nel XVIII secolo dal poeta Bonaventura Licheri (Neoneli, 1667 – 1733). Il testo fu composto (o tradotto) intorno al 1725; la trascrizione più antica è quella di Maurizio Carrus, che l’aveva inserita come appendice nel Rosarium di San Vero Milis nel 1731. La laude è cantata nella forma del gosos, tipico canto devozionale diffuso in Sardegna. (Wikipedia)

TESTO

Deus ti salvet, Maria,
chi ses de gràtzia plena.
De gràtzias ses sa vena
e i sa currente.

Su Deus onnipotente
cun tegus est istadu.
Pro chi t’at preservadu
Immaculada.

Beneita e laudada,
subra a totu gloriosa.
Mama, fiza e isposa
de su Segnore.

Beneitu su fiore
e frutu de su sinu.
Gesus, fiore divinu,
Segnore nostru.

Pregade a Fizu bostru
pro nois pecadores,
chi totu sos errores
nos perdonet.

E i sa gràtzia nos donet
in vida e in sa morte.
Ei sa dìciosa sorte
in Paradisu.

TRADUZIONE

Dio ti salvi Maria,
che sei piena di grazia:
di grazie sei insieme fiume
e sorgente.

Il Dio onnipotente,
con te è (sempre) stato;
perciò ti ha preservato
Immacolata.

Benedetta e lodata,
sopra a tutti gloriosa:
Mamma, Figlia e Sposa
del Signore.

Benedetto il Fiore
che è frutto del tuo seno:
Gesù fiore divino,
Signore nostro.

Pregate al Figlio vostro
per noi peccatori;
affinché tutti gli errori
a noi perdoni.

La sua Grazia ci doni,
in vita e nella morte;
E la felice sorte
in Paradiso.

DAI UN VOTO A QUESTO VIDEO:

Voto medio: / 5. Conteggio voti:

Lascia un commento