Posteggia Napoletana

Massimo Cammarata & Peppe Licciardi

Posteggia Napoletana: Massimo Cammarata & Peppe Licciardi in “Malafemmena“.

La posteggia in origine non aveva il senso che ha ora nel dialetto napoletano, ma era un modo particolare di fare musica, stando appunto “appustiati” (fermi ad un posto) per esempio sotto il balcone di una donna per dedicarle una serenata o girando per i tavoli di una taverna o di un caffè per allietare i clienti.

Se però ci pensiamo, il significato che si da ora alla parola posteggia non è così diverso da quello di un tempo; ora la posteggia non è altro che una reinterpretazione del vecchio significato, che è appunto quello di fermarsi in un posto a parlare con una ragazza. [Fonte: grandenapoli.it]

TESTO

Si avisse fatto a n’ato
Chello ch’e fatto a mme
St’ommo t’avesse acciso,
Tu vuò sapé pecché?
Pecché ‘ncopp’a sta terra
Femmene comme a te
Non ce hanna sta pé n’ommo
Onesto comme a me!…
Femmena
Tu si na malafemmena
Chist’uocchie ‘e fatto chiagnere.
Lacreme e ‘nfamità.
Femmena,
Si tu peggio ‘e na vipera,
M’e ‘ntussecata l’anema,
Nun pozzo cchiù campà.
Femmena
Si ddoce comme ‘o zucchero
Però sta faccia d’angelo
Te serve pe ‘ngannà…
Femmena,
Tu si ‘a cchiù bella femmena,
Te voglio bene e t’odio
Nun te pozzo scurdà…
Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
Pecchè l’unico ammore
Si stata tu pe me…
E tu pe nu capriccio
Tutto ‘e distrutto, ojnè,
Ma Dio nun t’o perdone
Chello ch’e fatto a mme!