La Cianzon de la Val de Fascia

Coro Valfassa

Con “La Cianzon de la Val de Fascia“, ovvero, La Canzone della Val di Fassa, il Coro Valfassa vuole dare un doveroso omaggio alla bellissima valle. Alba di Canazei, 09 luglio 2019 – Chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate.

Il testo, in lingua ladina, è di Francesco Dezulian “del garber” di Canazei; esso ci dice: “Lo che i prè d’ istà l’ è dut n fior e che monc e ciel i à l più bel color” – Dove i prati in estate sono pieni di fiori, dove le montagne e il cielo hanno bellissimi colori, “lo che se pel goder pasc de paradis lo l’ è val de Fascia lo l’è mie piasc” – Dove si può godere la pace del paradiso lì e la valle di Fassa, la mia terra. La musica è di Ermanno Zanoner in arte Luigi Canori conosciuto musicista e compositore di Moena.

TESTO

Lò che i pré d’istà l’é dut l’é dut n fior
Lò che i monc e l ciel i à l più bel color
Lò che se pel goder pasc de paradis
Lò l’é Val de Fascia, lò l’é mie paìsc

Se l’invern l’é lonch e freit con neif e vent
Te stua ciauda freit e gonfet no se n sent
Canche vegn d’aiscuda dut l’é desmentià
Canche slongia i dis l ciamp l’é semenà

Scomenzon da bec a pascola bestiam
Mingol de polenta e lat para la fam
Canche sion coscric col schiop a caprioi
e a ciamorc sul jouf o su par dò Pordoi

Se se n jon da ciasa par se l vadagnar
Tant dalonc da ciasa no sion bogn de star
Che l’encresciadujum nos l’aon tal cher
N bon fascian dalonc da ciasa prest l mer

Canche saron veies e stencé per tant lurar
Seraron i eies, podaron pussar
Lò che se pel goder pasc de paradis
Lò l’é Val de Fascia, lò l’é mie paìsc.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]