Comme Facette Mammeta

Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana

L’Orchestra italiana è un gruppo musicale italiano fondato da Renzo Arbore nel 1991 con lo scopo di rilanciare la musica napoletana nel mondo, riproponendola in modo innovativo e utilizzando contaminazioni provenienti da differenti culture e da vari generi (jazz, swing, blues).

Comme facette mammeta” è una canzone del 1906 di Salvatore Gambardella e Giuseppe Capaldo. Siamo a Napoli nel 1906, l’autore della canzone è un cameriere, tale Giuseppe Capaldo. Capaldo aveva conseguito la licenza elementare, in collegio, per volere del padre, quando tornò, si unì ai fratelli nell’attività di famiglia, e cominciò a servire ai tavoli. Il giovanotto si invaghì molto presto di una sua coetanea, una certa Vincenza, detta Vincenzella. Per lei scrisse “Comme facette mammeta”, inviò la canzone, al comitato dei festeggiamenti per la Madonna del Carmine, e fu giudicata la migliore. Capaldo, felicissimo, si recò sotto alla finestra della giovane, ma Vincenzella, non aprì mai le finestre. Il dolore di Giuseppe aumentò quando il fratello maggiore, gli comunicò che avrebbe spostato lui Vincenzella, allora Capaldo, dovette lasciare l’osteria, poiché mal sopportava l’idea di dover convivere vicino alla donna amata. (fonte: napolipiu.com)

TESTO

Quanno mammeta t’ha fatta
quanno mammeta t’ha fatta
vuo’ sape’ comme facette
vuo’ sape’ comme facette
pe’ mpasta’ sti carne belle
pe’ mpasta’ sti carne belle
tutto chello che mettette
tutto chello che mettette
ciento rose n’cappucciate
dint’a martula mmiscate
latte e rose, rose e latte
te facette ‘ncoppa ‘o fatto
nun c’e’ bisogno ‘a zingara
p’addivina’ cunce’
comme tha fatto mammeta
‘o saccio meglio e te.
e pe’ fa’ sta vocca bella
e pe’ fa’ sta vocca bella
nun servette ‘a stessa ddosa
nun servette ‘a stessa ddosa
vuo’ sape’ che ‘nce mettette
vuo’ sape’ che ‘nce mettette
mo’ te dico tutto cosa
mo’ te dico tutto cosa
nu panaro chino chino
tutt’e fravule ‘e ciardino
mele, zucchero e cannella
te ‘mpastaie sta vocca bella
nun c’e’ bisogno ‘a zingara
p’addivina’ cunce’
comme tha fatto mammeta
‘o saccio meglio e te.

TRADUZIONE

Quando tua madre ti ha fatta,
quando tua madre di ha fatta.
Vuoi sapere come fece?
Vuoi sapere come fece?

Per impastare queste carni belle,
per impastare queste carni belle.
Tutto quello che ci mise?
Tutto quello che ci mise?

Cento rose incappucciate
nella madia impastate.
Latte, rose, rose e latte,
ti fece al momento.

Non c’è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.

E per fare questa bocca bella,
e per fare questa bocca bella.
Non servì la stessa dose,
non servì la stessa dose.

Vuoi sapere che ci mise?
Vuoi sapere che ci mise?
Ora ti dico tutto,
ora ti dico tutto.

Un cesto pieno pieno,
tutto di fragole di giardino.
Miele, zucchero e cannella,
ti impastò questo bocca bella.

Non c’è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.

E per fare queste trecce d’oro,
E per fare queste trecce d’oro.
Tua madre s’impoverì,
Tua madre s’impoverì.

Bella mia, tu quale moneta?
Bella mia, tu quale moneta?
Vuoi sapere cosa le servì?
Vuoi sapere cosa le servì?

Una miniera intera
tutta fatta di filigrana,
ci volle per queste trecce,
che, a baciarle, non c’è prezzo.

Non c’è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]