Uocchie c’arraggiunate

Roberto Cardinale

Il testo di Uocchie c’arraggiunate è una perla preziosa di singolare bellezza. La storia ci rimanda a Napoli, all’anno 1904 e ad un giovane avvocato di nome Alfredo Falcone Fieni. Fieni era il cognome della madre che l’autore fece aggiungere al proprio. Il giovane avvocato, perdutamente innamorato di una bella fanciulla di nome Concetta, un giorno, seduto a un tavolino del “Caffè di notte e giorno”, pervaso dal sentimento, prese carta e penna e scrisse quei meravigliosi versi. Uocchie c’arraggiunate ha parole dolcissime, cariche di passione e sensualità.

Con i versi dettati dal cuore, il giovane avvocato riuscì a conquistare gli occhi di Cuncettina che divenne poi sua moglie e dalla quale ebbe cinque figli: Vincenzo, Giuseppe, Aniello, Vittorio ed Espedito (secondogenito), nonno di Luca.

Uocchie c’arraggiunate è stata cantata dai più grandi interpreti dell’epoca e degli anni a venire. Era anche la canzone preferita di Eduardo De Filippo. La ritroviamo, infatti, in Gennareniello, commedia scritta da Eduardo nel 1932.

TESTO

‘St’uocchie che tiene belle,
lucente cchiù d’ ‘e stelle,
sò nire cchiù d’ ‘o nniro
sò comm’a dduje suspire.

Ogne suspiro coce,
ma tene ‘o ffuoco doce
e, comme trase ‘mpietto,
nun me dà cchiù ‘arricietto.

E chi ve pò scurdà,
uocchie c’arraggiunate,
senza parlà,
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stateve ‘nu poco,
comme dich’i’,
comme vogl’i’,
comme vogl’i’!

Sò nire, cchiù sblennente
‘e ll’ebano lucente.
Comm’a ‘na seta fina
sò ll’uocchie ‘e Cuncettina.

Sempe ca ‘e ttengo mente,
nce trovo sentimente
pecché nce sta ‘nu vezzo
ca i’ guardo e ll’accarezzo.

E chi ve pò scurdà,
uocchie c’arraggiunate,
senza parlà ?
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stateve ‘nu poco,
comme dich’i’,
comme vogl’i’,
comme vogl’i’!

Sciure e ffronne addirose,
nun cerco tanta ccose!
Né ‘a cchiù bella guagliona,
si è ricca, mm’appassiona.

Ma tutt’ ‘a simpatia,
ma tutt’ ‘a vita mia
mme giova o mm’arruvina,
sò ll’uocchie ‘e Cuncettina.

E chi ve pò scurdà,
uocchie c’arraggiunate,
senza parlà ?
Senza parlà ?
A me guardate, sì,
E stateve ‘nu poco,
Comme dich’i’,
Comme vogl’i’,
Comme vogl’i’!