Cicerenella

Marco Beasley

Marco Beasley canta “Cicerenella“, una canzone popolare risalente al XVIII secolo, i cui autori sono ignoti. Nasce come tarantella visto che, sin dalle sue origini, la melodia prevede l’utilizzo di castagnette e tamburelli. Infatti, nel XIX secolo era diffusa con il titolo di “Tarantella di Posillipo“. Tra le interpretazioni di epoca moderna, ricordiamo quelle di Roberto Murolo, Peppe Barra, Eugenio Bennato e della Nuova Compagnia di Canto Popolare. [info: napoligrafia.it]

TESTO

Cicerenella mia, si’ bona e bella!
Cicerenella tenéa nu ciardino
e ll’adacquava cu ll’acqua e lu vino…
Ma ll’adacquava po’ senza langella…
Chist’è ‘o ciardino de Cicerenella…
Cicerenella teneva na gatta
ch’era cecata e purzí scontraffatta…
La strascenava cu meza codella…
Chest’è la gatta de Cicerenella…
Cicerenella teneva nu gallo
e tutta la notte nce jéva a cavallo…
Essa nce jéva po’ senza la sella…
E chisto è lo gallo de Cicerenella…
Cicerenella teneva nu ciuccio
e ll’avéa fatto nu bellu cappuccio…
Ma nu teneva né ossa e né pelle…
Chisto è lu ciuccio de Cicerenella…
Cicerenella tenéa na gallina
che facéa ll’uovo de sera e matina…
Ll’avéa ‘mparata a magná farenella…
Chest’è ‘a gallina de Cicerenella…
Cicerenella tenéa na pennata,
e, tutta la notte, steva allummata…
E ll’allummava co la lucernella…
Chesta è ‘a pennata de Cicerenella…
Cicerenella teneva na vótte:
mettea da coppa e asceva da sotto…
E nun ce steva tompagno e cannella…
Chesta è la vótte de Cicerenella…
Cicerenella tenéa na remessa
e nce metteva cavallo e calesse…
E nce metteva la soja tommonella…
Chesta è ‘a remessa de Cicerenella…
Cicerenella tenéa na tièlla,
frijeva ll’ove cu la mozzarella…
e le ffrijeva cu la sarcenella…
Chesta è ‘a tièlla de Cicerenella…
Cicerenella mia, si’ bona e bella!

TRADUZIONE

Cicirinella mia, sei buona e bella.
Cicirinella aveva un giardino
e lo innaffiava con l’acqua e col vino.
Ma lo innaffiava poi senza l’anfora.
Questo è il giardino di Cicirinella.
Cicirinella aveva una gatta
che era cieca e persino malandata.
La trascinava con mezza coda.
Questa è la gatta di Cicirinella.
Cicirinella aveva un gallo
e tutta la notte ci andava a cavallo.
Lei ci andava poi senza sella.
E questo è il gallo di Cicirinella.
Cicirinella aveva un asino
e gli aveva fatto un bel cappuccio.
Ma non aveva né ossa né pelle.
Questo è l’asino di Cicirinella.
Cicirinella aveva una gallina
che faceva l’uovo di sera e mattina.
Le aveva insegnato a mangiare farina.
Questa è la gallina di Cicirinella.
Cicirinella aveva un tetto spiovente,
e, tutta la notte, stava illuminato.
E lo illuminava con la lanterna.
Questo è il tetto spiovente di Cicirinella.
Cicirinella aveva una botte.
Metteva da sopra e usciva do sotto.
E non c’era né fondo né cannella.
Questa è la botte di Cicirinella.
Cicirinella aveva una rimessa
e ci metteva cavallo e calesse.
E ci metteva la sua bicicletta.
Questa è la rimessa di Cicirinella.
Cicirinella aveva una pentola,
friggeva le uova con la mozzarella.
E le friggeva con una fascina.
questa è la pentola di Cicirinella.
Cicirinella mia, sei buona e bella.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]