‘U pezzente

Calabria Logos

Calabria Logos in ” ‘U pezzente ” (Canto cosentino) – Tratto dal CD: ANCORA SUD (2007).

Per contatti rivolgersi:
Carlo Grillo 339.7860217
Antonio Grillo 339.1349226
Email: [email protected]

Carlo Grillo: Chitarra classica, acustica, battente e voce
Antonio Grillo: Cupu cupi, zingarola, triccheballacche, tammorre e voce.
Fausto Guido: Fisarmonica
Carlo Mercuri: Sax
Christian Beraldi: Basso
Salvatore Pucci: Basso in Rinninella
Gennaro Sciarrotta: Tamburelli e tammorre
Eugenio Mirandola: Mandolino
Jan Kyjovsky: Violino
Elena Tosi: Voce
Rosalba Grillo: Corista

Foto di Carlo Grillo (dall’album “Un po’ di Cosenza”)
Video realizzato da Antonella Costantino per Calabria Logos

Il gruppo “Calabria Logos“, fondato e diretto da Carlo Grillo, nasce nel 2000 nella città di Cosenza in seno all’omonima Associazione Culturale. Il gruppo si occupa della riscoperta e della rivalutazione delle tradizioni popolari calabresi attraverso un lavoro di ricerca svolto in seno al mondo contadino ed agro-pastorale. Al faticoso lavoro di ricerca sul campo segue una fase di rivalutazione e di rielaborazione dei dati raccolti. Il gruppo, nel rispetto delle tradizioni e dello spirito popolare, trova, in questa seconda fase, il suo più alto momento espressivo. L’eccellente contributo musicale di ogni componente del gruppo ha permesso di raggiungere risultati di grande interesse e di alto valore artistico e culturale.

TESTO

Oi genti genti sintiti tutti
lu fattarieddru chi vi raccuntu
nun vi spagnati ca nun è nenti
è la canzuna dellu pezzente.
Facc’ ‘i cuverta ci nni su tanti
venite avanti, venite avanti.

C’era ‘na vota Mastru Micuzzu
s’avia crisciutu nu purcedduzzu
prima ‘e Natale pue le muriu
e du ricuordu mò fa pazzie.
Lu dittu anticu un d’è sbagliatu:
lu cane muzzica aru strazzatu.

‘Na putigheddra s’avia ‘mpiantatu
cu capu d’agli ‘mmienz’ ‘i patati
ma lu satture dellu Cumuni
cci ha chiusu ‘a porta cu ra censura
e suspirannu dicia la gente:
“chi brutta sorte ha lu pezzente”.

Nu bellu juorno s’è ‘nnammuratu
‘na bella zoppa s’avia pigliatu
ma pe’ destinu doppu nu mise
sinn’è fijuta ccu nu marchise
e suspirannu dicia la gente:
“mancu ‘na zoppa vo’ lu pezzente”.

V’ haju cantatu oi bona gente
la canzuneddra dellu pezzente
chissu è ru munnu, chissu è ru munnu
chine sta a galla e chine va’ ‘nfunnu.
Lu dittu anticu un d’è sbagliatu:
lu cane muzzica aru strazzatu.