Toni Santagata

Cantautore italiano

Toni Santagata - Cantautore italiano

Toni Santagata, noto anche come “Tony Santagata”, nome d’arte di Antonio Morese, è stato un cantautore e cabarettista italiano.

Canta le sue canzoni in Italiano ma anche in dialetto. Tra queste troviamo “Quant’è bello lu primm’ammore“, “La zita“, “Li strascenete” e tante altre, ritenute però poco commerciali dai discografici. Nel frattempo è uno dei fondatori storici del Folkstudio nei primissimi anni sessanta.

Quant’è bello lu primm’ammore – Tony Santagata

YouTube player

Nel 1964 viene pubblicato “Quant’è bello lu primm’ammore” come retro del singolo “Miezz’a la piazza”. Il disco viene subito censurato dalla Rai. Dopo essere stato il primo a usare il dialetto pugliese con il suo originale cabaret, da lui ideato, nel 1967 partecipa al Cantaeuropa. Invitato al festival la Barca d’oro a Napoli, vince con una canzone contro la guerra. Chiamato a rappresentare il mondo del cabaret, per commemorare Totò al teatro Politeama di Napoli, unico artista non napoletano, scrive e canta “Carissimo Totò”.

Lu maritiello – Tony Santagata

YouTube player

Dopo tanta TV e Cabaret, nel 1973 viene invitato a Canzonissima come cantautore in italiano. Arriva in finale e presenta, come canzone nuova, un brano che è attuale ancora adesso: “Austerity”. Aveva superato i due turni precedenti con altri due brani di sua composizione: “Il pendolare e Vieni cara”, “siediti vicino”. Quest’ultima, di carattere ambientalistico, era la sigla della trasmissione “A come agricoltura”.

Nel 1974/75 partecipa ancora a Canzonissima e ottiene la vittoria, nell’inedita sezione Folk, con “Lu maritiello” da lui scritta, dopo aver vinto le due eliminatorie precedenti con i suoi grandi successi “Quant’è bello lu primm’ammore” e “La zita”.

La Zita – Tony Santagata

YouTube player

E ancora tanta TV, tanto Cabaret, in Italia e all’estero. Nel corso della sua carriera ha scritto 6 opere musicali moderne. La più nota è “Padre Pio Santo della speranza”, eseguita in Vaticano.  La canzone finale, “Padre Pio ho bisogno di te“, è diventata la preghiera ufficiale dei fedeli del santo. È stato inoltre tra i fondatori della Nazionale Attori, della quale è stato a lungo capocannoniere.

Lascia un commento