La Zita

Tony Santagata

Tony Santagata suona “La Zita” – Esibizione da Canzonissima 1974/75.

TESTO

Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita la prima sera
Che si mangiava la zita la prima sera
E nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze

Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita alli tre sere
Che si mangiava la zita alli tre sere
E tre pesci che vanno nuotando
e due lepri ben correnti,
E nu panare de pere galante
E nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze

Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita alli cinque sere
Cinque piatti di maccheroni,
le brasciole e cannelloni,
quatte colombe che vanno volando,
e con tre pesci che vanno nuotando
e due lepri ben correnti,
E nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze

Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita alli sette sere
Sette vacche ben cresciute,
con sei pecore arrustute…
Cinque piatti di maccheroni,
le brasciole e cannelloni,
quatte colombe che vanno volando,
e con tre pesci che vanno nuotando
e due lepri ben correnti,
E nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze

Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita,
Che si mangiava la zita alli sedici sere
Sedici chili di salsicce
se li mangia secche secche,
quindici chili di vermicelli
guasta la festa e lu sanarielle
quattordici chili di insalata
m’ha lasciato senza fiato,
tredece chile de confette
se strenge la zita e nan aspette,
dodici chili di albicocche
si riempie quattro bocche,
undici chili si fichi secchi
se li mangia e se li lecca,
dieci rotoli de cerase
chi se l’abbrazze e chi se la vase,
nove votte de vine
non le bbaste na candine,
otto forme di pane nun se pote sazzià
Sette vacche ben cresciute,
con sei pecore arrustute…
Cinque piatti di maccheroni,
le brasciole e cannelloni,
quatte colombe che vanno volando,
e con tre pesci che vanno nuotando
e due lepri ben correnti,
E nu panare de pere galante
Nu panare de pere galante
sempre la zita alla tavola ‘nnanze!

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]