Oilì Oilà(Tarantella napoletana)

Antonio Donnantuoni

Oilì Oilà” – Tarantella napoletana cantata e suonata da Antonio Donnantuoni & Geremix.

L’organetto di Antonio Donnantuoni  – Scuola di organetto e spettacoli musicali.

Info: 3298691311 – [email protected]

TESTO

Carmè’, quanno te veco,
Carmè’, quanno te veco,
Carmè’, quanno te veco,
mme batte ‘o core.

Dimméllo tu ch’è chesto,
dimméllo tu ch’è chesto,
dimméllo tu ch’è chesto,
si nun è ammore?

Chest’è ammore,
oilì oilà,
ma dincello a mamma toja
si te vò fà mmaretà.

Chest’è ammore,
oilì oilà,
ma dincello a mamma toja
si te vò fà mmaretà.

Carmè’, dincello,
‘nu bellu maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, e llariulà.
‘A verità, nce vò ‘na cumpagnia,
tricche – tricche, e llariulà,
tricche – tricche, e llariulà.

tricche – tricche, e llariulà,
tricche – tricche, e llariulà.

Comm l’acqua a la funtana,
comm l’acqua a la funtana,
comm l’acqua a la funtana,
ca nun se secca.

l’ammore è ‘na catena,
l’ammore è ‘na catena,
l’ammore è ‘na catena,
ca nun se spezza.

Non se spezza,
oilì oilà.
Si se spezza, bonasera,
nun se po’ cchiù ‘ncatenà.

Non se spezza,
oilì oilà.
Si se spezza, bonasera,
nun se po’ cchiù ‘ncatenà.

Carmè’ tu ‘o ssiente?
‘Nu bellu maretiello è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, e llariulà.
‘A verità, nce vò ‘na cumpagnia,
tricche – tricche e llariulà,
tricche – tricche e llariulà.

tricche – tricche e llariulà,
tricche – tricche e llariulà.

Stu core aggio perduto,
stu core aggio perduto,
stu core aggio perduto,
‘mmiez’a sta via

Tu certo ll’he truvato,
tu certo ll’he truvato,
tu certo ll’he truvato,
bellezza mia.

l’he truvato,
oilì oilà,
ll’he truvato e ll’annascunne,
ma vengh’io pe’ mm’ ‘o piglià.

ll’he truvato,
oilì oilà,
ll’he truvato e ll’annascunne,
ma vengh’io pe’ mm’ ‘o piglià.

Carmè’ tu ‘o ssiente?
‘Nu bellu maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, e llariulà.
‘A verità, nce vò ‘na cumpagnia,
tricche – tricche e llariulà,
tricche – tricche e llariulà,
tricche – tricche e llariulà,
tricche – tricche e llariulà.

TRADUZIONE

Carmela, quando ti vedo,
Carmela, quando ti vedo,
Carmela, quando ti vedo,
mi sbatte il cuore.

Dimmelo tu che cos’ è questo,
Dimmelo tu che cos’ è questo,
Dimmelo tu che cos’ è questo,
se non è amore?

Questo è amore,
oilì oilà,
e diglielo a tua mamma
se vuole farti sposare.

Questo è amore,
oilì oilà,
e diglielo a tua mamma
se vuole farti sposare.

Carmela, diglielo,
un bel marito
è sempre buono.
Se no resti sola,
sola, sola, e lariulà.
In verità, ci vuole una compagnia,
tricche – tricche, e llariulá,
tricche – tricche, e llariulá.

Come acqua della fontana,
come acqua della fontana,
come acqua della fontana,
che non si secca.

L’amore è una catena,
l’amore è una catena,
‘amore è una catena,
che non si spezza.

Non si spezza,
oilì oilà.
se si spezza, buonasera,
non si può più incatenare.

Non si spezza,
oilì oilà.
se si spezza, buonasera,
non si può più incatenare.

Carmela lo senti?
Un bel marito è sempre buono.
Se no resti sola,
sola, sola, e lariulà.
In verità, ci vuole una compagnia,
tricche – tricche, e llariulá,
tricche – tricche, e llariulá.

Questo cuore ho perso,
questo cuore ho perso,
questo cuore ho perso,
in mezzo ad una strada.

Certamente tu l’ hai trovato,
certamente tu l’ hai trovato,
certamente tu l’ hai trovato,
bellezza mia.

L’ hai trovato,
oilì oilà,
l’hai trovato e lo nascondi,
ma io vengo a riprendermelo.

L’ hai trovato,
oilì oilà,
l’ hai trovato e lo nascondi,
ma io vengo a riprendermelo.

Carmela, daglielo.
Un bel marito
è sempre buono.
Se no resti sola,
sola, sola, e lariulà.
In verità ci vuole una compagnia,
tricche – tricche, e llariulá,
tricche – tricche, e llariulá,
tricche – tricche, e llariulá,
tricche – tricche, e llariulá.