Jetta La Riti

Canzone Popolare Siciliana

Jetta la Riti è una canzone popolare siciliana, appartenente principalmente alla tradizione marinara, scritta e interpretata dal cantante folk agrigentino Gian Campione.

Il testo del brano, scritto completamente in dialetto siciliano, racconta il difficile lavoro dei pescatori durante una notte in mezzo al mare.

I pescatori intonano il ritornello “Jetta la riti jettala, tirala quannu e china, si vo` piscari bonu e aviri assa` furtuna”.

Finalmente dopo tanto lavoro vengono ripagati da un’abbondante pesca e al loro ritorno vengono accolti da grandi, vecchi e bambini che fanno una grande festa.

La canzone, sul finire, intona che i pescatori hanno le braccia stanche, ma remano più forte di prima, perchè sanno che presto riabbracceranno i loro cari.

Il cantante Gian Campione, scoperto nella metà degli anni ’60 durante la Sagra del Mandorlo in fiore mentre cantava con il gruppo folkloristico Val d’Akragas, è stato eletto nel 1997 Ambasciatore della canzone siciliana nel mondo. Purtroppo è scomparso prematuramente nel 2005.

Fonte: canzone popolare

TESTO

La sira a la calata di lu suli
Già si priparanu li piscatura,
Pigghiannusi li riti e la lampara,
Li mettinu ‘na varca cu primura.

A notti funna nescinu li varchi,
Illuminati di lu lustru ‘i luna,
E mentri remanu li piscatura
Cantanu tutti ‘ncoru ‘sta canzuna:

Jetta la riti, jettala,
Tirala quannu è china!
Si vo’ piscari bonu
E aviri assà furtuna
Tira la riti, tirala!
Lu tò travagghiu veni
Pagatu e ripagatu
Dopu tanti sudura,
Pagatu e ripagatu
Dopu tanti sudura.

A picca a picca sta acchianannu ‘u suli
E già sunnu arrivati a la marina,
Ci sunnu granni vecchi e picciriddi
Ca ci fannu gran festa a ‘i piscatura.

Hannu li vrazza stanchi i piscatura
Ma remanu cu forza e cu primura.
Picchi sannu ca stannu pi turnari
A strinciri e a vasari li so’ cari.

Jetta la riti, jettala,
Tirala quannu è china!
Si vo’ piscari bonu
E aviri assà furtuna
Tira la riti, tirala!
Lu tò travagghiu veni
Pagatu e ripagatu
Dopu tanti sudura,
Pagatu e ripagatu
Dopu tanti sudura.

TRADUZIONE

La sera alla calata del sole
Già si preparano i pescatori,
Prendendosi le reti e la lampara*,
Le mettono nella barca con premura.

A notte fonda escono le barche,
Illuminate dalla luce della luna,
E mentre remano i pescatori
Cantano in coro questa canzone:

Butta la rete, buttala,
Tirala quando è piena!
Se vuoi pescare bene
Ed avere tanta fortuna
Tira la rete, tirala!
Il tuo lavoro viene
Pagato e ripagato
Dopo tanto sudore,
Pagato e ripagato
Dopo tanto sudore.

Pian piano sta salendo il sole
E già sono arrivati alla costa,
Ci sono grandi vecchi e bambini
Che fanno gran festa ai pescatori.

Hanno le braccia stanche i pescatori
Ma remano con forza e premura.
Pochi sanno che stanno per tornare
A stringere e baciare i loro cari parenti.

Butta la rete, buttala,
Tirala quando è piena!
Se vuoi pescare bene
Ed avere tanta fortuna
Tira la rete, tirala!
Il tuo lavoro viene
Pagato e ripagato
Dopo tanto sudore,
Pagato e ripagato
Dopo tanto sudore.