SanMatio

I Crodaioli

Sul colle di San Matteo si vedono ancora i sassi neri di un castello perduto. Vi abitava una regina crudele, innamorata del capitano delle guardie che la sfuggiva impaurito. Arzignano, la città di Giano, sapeva di questa passione, ma lungo la valle e nei borghi, i cantastorie raccontavano di un altro amore, quello dell’acqua chiara.

28 maggio 2016 – Piacenza Sala degli Arazzi, Collegio Alberoni.
6° Rassegna Corale ” Città di Piacenza ” IL CANTO D’ AUTORE.
Dirige M° Bepi De Marzi – Video di Alberto Gremmi.

TESTO

Co la regina de San Matìo
la vole l’acqua rento ‘l so castelo,
ma che la porta el capitano,
quel che comanda la cità de Giano.

Ma ‘l capitano ga za l’amore,
la ze la fiola de Lilano Belo;
el se la porta nel so castelo
e l’indormenza co’ le serenate.

Le serenate del capitano
le sveja tuta la cità de Giano.
Ma la regina no’ ze contenta:
la vole l’acqua de la Valle Scura.

El capitano el ga paura,
el ga paura de la Busa Fonda.
La Busa Fonda, la Busa Nera,
el capitano belo el se dispera.

El se dispera el capitano,
quel che comanda la cità de Giano.
Ma la regina no’ ze contenta:
la vole l’acqua rente l’erba menta.

Co’ l’erba menta, co’ l’erba amara,
la Busa Fonda la diventa ciara,
col primo sole de la matina
el capitano trova l’acqua fina.

Col primo sole, la prima onda,
co’ l’erba menta la diventa bionda,
col primo ciaro de la matina
el capitano beve l’acqua fina.

Ma la regina no’ ze contenta:
la vole l’acqua rento ‘l so castelo;
che ghe la porta, col capitano,
la vol la fiola de Lilano Belo.

Lilano Belo dal campo tondo
ga tanti fiori che profuma ‘l mondo,
ma ‘l capitano li porta via
così la storia ‘desso ze finìa.

La ze la storia del capitano,
quel che comanda la cità de Giano.
La ze la storia de la regina
che la voleva tutta l’acqua fina.

Ma ‘l capitano la porta via
così la storia ‘desso ze finìa.

 

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]