La figlia ri lu massaro

Gino Volpe

Gino Volpe e il suo gruppo in “La figlia ri lu massaro” (Live).

Musica popolare siciliana.

TESTO

Cc’è ‘na figghia di massaru,
ca pi mia nun mancia e ‘un dormi.
Quannu agghicu a lu pagghiaru,
m’accarizza e mi fa nnormi.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

Leggia leggia, linna linna,
pettu largu e spaddi quatri,
l’arma vugghi, abbrucia, spinna,
Diddu arrizza l’occhi latri.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

‘Menzu a milli, lesa, lesa,
pari parma carricata,
la duminica a la chesa
quannu nesci di parata.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

La pittigghia ramiata,
lu ippuni ‘ngallunatu,
ch’è mudera e ‘nzuccarata,
Oh, l’avissi a lu me latu.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

Di l’aperta mantillina,
ci stralucinu dui stiddi,
la facciuzza brunna e fina,
rosi e gigghia li masciddi.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

Lu so pettu frischi puma,
la sò vista ariu stiddatu,
li sò carni janca scuma,
di cannedda lu so ciatu.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

Chista figghia di massaru,
ca pi mia nun mancia e ‘un dormi,
quannu agghicu a lu pagghiaru,
m’accarizza e mi fa nnormi.

Quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia,
quant’è bedda, quantu è fina,
quant’è duci gioia mia.
Ah! Siddu parra, si camina,
si si vota e mi talia.

TRADUZIONE

C’è la figlia di un massaio,
che per me non mancia e non dorme,
quando arrivo al pagliaio,
mi accarezza e mi coccola.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

Linda linda, lesta lesta,
petto largo e spalle dritte,
l’anima bolle, s’infiamma, desidera,
s’ ella aguzza gli occhi ladri.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

In mezzo a mille, lieve lieve,
sembra una palma carica di frutti,
la domenica alla chiesa,
quando esce ben vestita.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

La pettiera ricamata,
il vestito arabescato,
com’è amabile e zuccherata,
Oh, l’avessi al mio fianco.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

Dalla mantellina aperta,
si intravedono due stelle,
il visino bruno e fine,
gigli d’oro le sue guance.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

Nel suo petto due fresche poma,
la sua vista area stellata,
le sue carni una bianca schiuma
di cannella il suo fiato.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.

Questa figlia di massaio,
che per me non mancia e non dorme,
quando arrivo al pagliaio,
mi accarezza e mi coccola.

Quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia,
quanto è bella, quanto è fine,
quanto è dolce gioia mia.
Ah! S’ella parla, se cammina,
se si volta e m i guarda.