A la fera di li paroli

I Beddi

Di Davide Urso

Regia
Gian Maria Musarra

Titoli
Giuseppe Lombardo

Musici
Mimì Sterrantino: Voce, Chitarra battente
Daniele Zappalà: Tromba
Davide Urso: Tamburi a cornice con sonagli, Marranzani, Dundun, Voce
Giampaolo Nunzio: Friscalettu, Organetto, Voce
Pier Paolo Alberghini: Contrabbasso
Pippo Grillo: Mandolino

Testo

pizzica spizzica muzzica rusica
pizzula rummula ruzzula strummula
azziddica stuzzica scuncica mizzica
mizzica mizzica

chista e’ la fera di li paroli
accattini una lu sai quantu vali
questa e’ la fiera delle parole
comprane una vedrai quanto vale

nta stu mircatu passi pariggiu
abbunnunu i numara senza nu sgaggiu
questo mercato invoglia l’acquisto
abbondano i numeri e non uno guasto

si nun ci ha statu ti lu cusighhiu
capaci ca trovi lu miniminagghiu
te lo consiglio e’ lungo la strada
forse ci trovi un’antica sciarada

attrovi vucali assulicchiati
nta li panara ritti e abbisati
dentro le ceste delle parole
trovi vocali seccate al sole

di primu acchittu nun ti n’adduni
ca stanu additta du cungiunzioni
a primo impatto non te n’avvedi
due congiunzioni stan ferme all’impiedi

ê picciriddi accatti l’accenti
ê chiu’ rannuzzi virguli e punti
per i bambini compri gli accenti
per i piu grandi virgole e punti

li fimmineddi scangiunu ciuri
li vicchiareddi nnimini e storii
giovani donne barattan fiori
scambiano storie gli anziani signori

di ‘ncapumastru n’uttava ca rima
di ‘ncapubanna na nota cca scrima
di un capomastro una rima baciata
di un capobanda una nota intonata

di na mavara na mavaria
ammisturata cu na litania
un incantesimo di una megera
sembra l’incedere di una preghiera

si cunta e ricunta ca a stari accura
arretu s’ammuccia na vecchia signura
pari pulita tutta agghiumata
‘nciuri nta testa bella e abbissata
acquannu acquannu cerchi ed attrovi
ammenzu e cufina na bonanova
sta vicchiaredda cu santa duvizia
alluzza l’occhi supra a nutizia
dattagghiu s’allasca cu na scaciuni
na spinticedda je n’ammuttuni
cu manu di jatta afferra a quistioni
e si l’agghiaccia sta bedda opinioni
avogghia a schigghiari avogghia a scuppari
cu arti studiata je lesta a scappari

ma si racconta che in questa fiera
gira e rigira una vecchia signora
sembra distinta ricca di fiocchi
fiori ai capelli lucidi gli occhi
e proprio quando cerci e la trovi
tra le bancate la buona nuova
questa vecchietta con santa dovizia
adocchia in fretta la stessa notizia
accanto si erge pronta di scuse
quasi spingendo vantando pretese
con mani fatate afferra l’avviso
la bella questione, con fare preciso
le tue lamentele rimangono tali
lesta gia’ fugge lungo i viali.

I Beddi - "A la fera di li paroli"
I Beddi – “A la fera di li paroli”