Lariulà

Fausto Cigliano e Miranda Martino

24 05 1960 – Il Noveliere

Lariulà, di Salvatore Di Giacomo, Mario Costa, 1888.

TESTO

(Lui)
Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tiénete ‘o muccaturo arricamato,
tutta ‘sta rrobba mia t”a benedico…
(Lei)
Quanto sî bello e quanto si’ curtese!
io t’ero indifferente e mo se vede;
tècchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese…
fossero accise ll’uommene e chi ‘e ccrede!
(Insieme)
Fossero accise ll’uommene (‘e ffemmene) e chi ‘e ccrede!…

Ah, lariulá, lariu – lariu – lariulá…
L’ammore s’è addurmuto
nun ‘o pòzzo cchiù scetá…

Lariulà (italiano)
(Lui)
Mio bel frutto di melograno,
quanto ti ho adorata e da sempre!
Riprenditi il fazzoletto ricamato,
Tieniti pure ciò che t’ho donato.
(Lei)
Quanto sei bello, anche cortese!
ti ero indifferente, ora lo vedo;
riprenditi il fazzoletto di seta inglese…
che siano uccisi i maschi e chi li crede!
(Insieme)
Che siano uccisi i maschi (le femmine) e chi li crede!

 

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]