El pover Luisin

Coro ingrato

Si tratta di un canto Lombardo successivo alle guerre d’indipendenza italiane. Questa canzone milanese, divenuta popolarissima, è probabilmente di discendenza colta. E’ tra le più belle canzoni risorgimentali di quel filone che si ispira alla guerra vista dalla parte di chi rimane ad aspettare, spesso inutilmente, il ritorno della persona cara. [fonte: antiwarsongs.org]

TESTO

Un dì per sta cuntrada
pasava un bel fiö
e un masulin de ros
l’ha trà in sül me pugiö
e un masulin de ros
l’ha trà in sül me pugiö.

E per tri mes de fila
e squasi tüti i dì,
el pasegiava semper
dumà per vedèm mi
el pasegiava semper
dumà per vedèm mi.

Vegnü el cinquantanöv,
che guera desperada!
e mi per sta cuntrada
l’hu pü vedù a pasà
e mi per sta cuntrada
l’hu pü vedù a pasà.

Un dì piuveva, vers sera,
s’ciupavi del magun
quand m’è rivà ‘na lètera
cul bord de cundiziun
quand m’è rivà ‘na lètera
cul bord de cundiziun.

Scriveva la surela
del pover Luisin
che l’era mort in guera
de fianc al Castelin
che l’era mort in guera
de fianc al Castelin.

Hin già pasà tri an,
l’è mort, el vedi pü,
epür stu pover cör
l’è chi ancamò per lü
epür stu pover cör
l’è chi ancamò per lü.