‘E Palumme

Canzone Napoletana

‘E Palumme ” – Mario Persico – Testo di Oscar Gallo – 1913.

TESTO

Miezojuorno. Coce ‘o sole
e vuje state ‘int’ ‘o ciardino,
sott’ ‘e ffronne ‘e mandarino,
‘mmiez’ô gghianco d ”e llenzole
spase ô sole.

E na chiorma ‘e palummielle,
vola, vola attuorno a vuje
ca lle date ‘e mullechelle.
Spuzzuléa, po’ se ne fuje
chesta chiorma ‘e palummielle.

Accussí, pe’ ‘sta passione
ca mme struje,
volano sempe, volano
tutt’ ‘e penziere mieje attuorno a vuje.

Ma pecché, sbattenno ‘e mmane,
ma pecché vuje n’ ‘e ccacciate
sti palumme aggraziate,
mentre po’ lle date ‘o ppane,
‘mmiez’ê mmane?

Se ne vanno ‘ncopp’ ‘o mare,
p’ ‘e mmarine, a duje a duje,
‘ncopp’ ‘e titte, ‘e campanare,
e po’ tornano addu vuje.
Se ne vanno ‘ncopp’ ‘o mare.

Accussí, pe’ ‘sta passione
ca mme struje,
si n’ ‘e ccacciate, tornano
tutt’ ‘e penziere mieje attuorno a vuje.

TRADUZIONE

Mezzogiorno. Scotta il sole
e voi state nel giardino,
sotto alle foglie di mandarino,
in mezzo al bianco delle lenzuola
stese al sole.

E un gruppo di colombi,
vola, vola attorno a voi
che date loro le mollichine.
Spilucca, poi se ne fugge
questo gruppo di colombi.

Così, per questa passione
che mi distrugge,
volano sempre, volano
tutti i pensieri miei attorno a voi.

Ma perché, battendo le mani,
ma perché voi li cacciate
questi colombi aggraziati,
mentre poi date loro il pane,
in mezzo alle mani?

Se ne vanno sul mare,
per le marine, a due a due,
sui tetti, i campanili,
e poi tornano da voi.
Se ne vanno sul mare.

Così, per questa passione
che mi distrugge,
se li cacciate, tornano
tutti i pensieri miei attorno a voi.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]