Canzoni Popolari Natalizie

Andiamo alla ricerca delle Canzoni Popolari di Natale

Canzoni tradizionali per il Natale
Canzoni Popolari Natalizie

Il Natale è indubbiamente una delle feste più rappresentative del panorama tradizionale italiano e non solo. La natività è l’occasione per rispolverare i canti popolari che, per tutto lo stivale, si sono moltiplicati in quanto alla cultura strettamente Cristiano Cattolica italiana. Dai canti religiosi, la famosa “Novena di Natale“, ai canti prettamente di origini pagane, la diversificazione musicale risale il nostro paese ed accumuna grandi e piccini al suono delle tipiche melodie.

Il pezzo forte del repertorio musicale Natalizio è , senza ombra di dubbio la Zampogna, ma altri strumenti quali l’organetto e soprattutto la Ciaramella, si dividono il podio dei “Più suonati di Dicembre!

Andiamo a vedere, allora, alcuni dei canti più famosi delle festività natalizie del nostro bel Paese.

Dalla tradizione Siciliana, sentiamo A la notti di Natali“, cantata dalla cantautrice e cantastorie sicula Rosa Balistreri.

A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.

Edda notti disiata
ca nasciu lu Verbu Eternu
cu la vista sì sagrata
ralligrau lu friddu ‘nvernu.

A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.

Faraudi e ciarameddi
adda grutta si purtaru
e diversi canzuneddi
a Gesuzzu cci cantaru

A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.

Dalla Calabria, i Kalavrìa ci deliziano con “A nascita du Bambinuzzu“, Tratto dall’ album “Mo’ veni Natali”.

Dalla Campania, Francesca Marini e Peppe Barra ci cantano  “Quanno nascette ninno“.

Quanno nascette Ninno“, chiamato anche con il nome “Pastorale“, fu scritto in lingua napoletana nel dicembre 1754 a Nola in provincia di Napoli, da Alfonso Maria de’ Liguori, prima persona a usare il napoletano per canti religiosi. In origine il canto si chiamava “Per la nascita di Gesù.

Il testo del canto, scritto in lingua napoletana così da poter esser compreso dai fedeli napoletani, è costituito da strofe di sette versi ciascuna, eccetto alcune che sono irregolari.

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott’e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett’a chiammà li Magge all’Uriente.

De pressa se scetajeno l’aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe ‘nsí agrille – co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc’à criato.

Co tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sott’a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva -sì Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce a vocca, e po ‘mbriache o core.

No ‘nc’erano nnemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co’ o caprette – se vedette
O liupardo pazzeà;
L’urzo e o vitiello
E co’ lo lupo ‘npace o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘Npiett’o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n’Angelo sbrannente cchiù d’o sole
Comparette – e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l’aspettato Sarvatore.
Dint’i panni o trovarrite,
Nu potite – maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.

A meliune l’Angiule calate
Co chiste se mettetten’a cantare:
Gloria a Dio, pace’n terra,
Nu cchiù guerra – è nato già
Lo Rre d’amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l’uno ‘nfaccia all’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolí
Pe lo golìo
Che tengo de vedé sso Ninno Dio.

Zombanno, comm’a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.

Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint’o core
Cacciajeno a migliara atte d’amore.

Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L’azzettaje – comm’a ddí,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘n capo e li benedicette.

Dall’Abruzzo questa Novena di Natale originaria della zona di Lanciano.

Per la Sardegna ascoltiamo “Notte de chelu” (nota anche con il titolo Es nadu su Bambinu), una delle canzoni natalizie in lingua sarda più conosciute. Il brano è tratto dalle Cantones de Nadale (Canzoni di Natale), che il poeta Pietro Casu aveva composto, nel dicembre del 1927, in occasione della novena di Natale, che furono presentate per la prima volta a Berchidda da una piccola orchestra e da un coro. Le cantones furono musicate dal sacerdote ozierese Agostino Sanna (1902-1982) che era stato organista e direttore della «Schola cantorum» nella Facoltà di teologia di Sassari.

Dal Veneto, ascoltiamo questo canto popolare interpretato dal Gruppo Taverna di Peschiera del Garda.

Per la Liguria ascoltiamo il canto “L’Unico Figlio“, interpretato dal gruppo di musica popolare Ligure “Le Mamme Canterine” e tratto dall’Album “Ceriana – A vita l’è bèla”.

Per la Valle d’Aosta, sentiamo “La Pastorala“, canto popolare italiano in dialetto Valdostano, cantato dal coro “Penne Nere”.

Innumerevoli sono le suonate strumentali, molte delle quali con Zampogna e Ciaramella. La zampogna la conosciamo tutti, ma per la Ciaramella è diverso: La ciaramella o pipita, è uno strumento musicale popolare aerofono della famiglia degli oboi con ancia doppia, cameratura conica e senza chiavi.

Quartetto di zampogne e ciaramelle che ripropone melodie tradizionali, brani sacri e composizioni originali moderne. Qui nella stranota “Tu scendi dalle stelle“.

Nonostante molti di questi canti, al termine di questo excursus tra le canzoni popolari natalizie italiane, riproponiamo un classico, una canzone che sapranno a memoria anche molti dei più piccoli: “Piva piva“.

Piva piva è il titolo di adattamento onomatopeico di un noto stornello natalizio di origine lombarda, conosciuto in tutta Italia.

Non è attribuibile ad un autore ben preciso, poiché veniva intonato dai venditori d’olio d’oliva del bresciano che nel periodo di Natale ricorrevano per l’appunto al suono dell’omonima zampogna d’origine emiliana (la Piva) per attirare clienti.

Piva, piva
l’oli d’oliva
piva, piva
l’oli d’olà.

Piva, piva
l’oli d’oliva
l’oli fresch
de vong el gozz.

L’è ‘l Bambin
che porta i belèe,
l’è la mamamma
che spend i danèn.

Fa la nanna,
bel Babin
Re divin,
Re divin.

Aspettate un attimo: Non potevamo non concludere con l’intramontabile “Tu scendi dalle stelle“, già riproposta prima ma qui in una splendida versione. Grazie per averci letto fin qui, a voi tutti BUONE FESTE & TANTI AUGURI DI BUON NATALE!!!

 

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]