Sta strata

Aramirè

Uno dei più bei canti d’amore interpretati da Aramirè – Compagnia di Musica Salentina.

Si tratta di uno dei tantissimi canti d’amore e stornelli della tradizione salentina, tuttavia questo testo presenta la lode della donna amata, come sempre accade ma vi è poi un insolito ringraziamento alla madre della donna amata per averla aiutata a crescere bella come un fiore. Nella seconda parte del testo si ripete un tema spesso usato in altri componimenti, ovvero quello dell’uomo disposto a fingersi un monaco per poter avvicinare la sua amata. [Fonte: salentoviaggi.it]

TESTO

Sta strata la vulia de mattunare
de rose e fiuri la vulia cuprire

sula la socra mia facia passare
ca m’ha crisciutu a ttie fiuru d’amore

Sula se lu gudia lu passeggiare
sula se lu gudia tuttu st’andore

La strata de Martanu fumuliscia
ca addhai me tira lu core cu bau

Come aggiu fare pe videre
a ttie de municeddhu me vulia vestire

Alle toi porte poi venia a tozzare
mi dài ‘na cosa allu tou municeddhu Monecu

le sbaiasti le carrare
quista nun è la via de lu cumentu

Abbande moniceddhu
abbande ‘n pace
ca la figlia mia malata la tegnu

Se stae malata la fai cunfessare
cu bessu ieu lu patre cunfessore

Na grande penitenza l’aggiu dare
cu nu se scerra de lu primu amore.

TRADUZIONE

Vorrei lastricare questa strada
di rose e fiori e di rose e fiori vorrei coprirla

Farei passare solo tua madre
perché ha cresciuto te fiore d’amore

Lei sola potrebbe passeggiare
e godersi tutto il profumo

La via di Martano è polverosa
ma lì il cuore mi spinge ad andare

Come devo fare per vederti,
mi vestirò da monachello

Verrò a bussare alle tue porte
chiedendoti qualcosa per il tuo monachello

Monaco hai sbagliato strada,
questa non è la via del convento

Vai via monachello, vai via in pace
perché mia figlia è malata

Se è malata si deve confessare,
che sia io il suo confessore

Devo darle una grande penitenza,
che non si scordi il primo amore.