Funiculì funiculà

Andrea Bocelli

Funiculì funiculà” è una canzone napoletana scritta nel 1880 dal giornalista Giuseppe Turco e musicata da Luigi Denza. Il testo fu ispirato dall’inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio, costruita nel 1879, per raggiungere la cima del Vesuvio.

La canzone è stata cantata per la prima volta nella Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia. Fu presentata da Turco e Denza alla festa di Piedigrotta, durante lo stesso anno e divenne immensamente popolare in Italia e all’estero. Il brano descrive quindi ai napoletani e soprattutto ai turisti i vantaggi offerti dal nuovo mezzo di trasporto, che permette di salire senza fatica, ammirando il panorama.

TESTO

Aissera, Nanninè, mme ne sagliette,
Tu saje addò? Tu saje addò?
Addò ‘sto core ‘ngrato cchiù dispiette
Farme nun pò, farme nun pò.

Addò lo ffuoco coce, ma si fuje,
Te lassa stà, te lassa stà.
E nun te corre appriesso e nun te struje
Sulo a guardà, sulo a guardà.

Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Funiculì, funiculà,
Funiculì, funiculà!
‘Ncoppa jammo, jà,
Funiculì, funiculà!

Nèh, jammo! Da la terra a la montagna,
‘No passo nc’è, ‘no passo nc’è.
Se vede Francia, Proceta, la Spagna
E io veco a te, e io veco a te!

Tirate co li ffune, ‘nditto ‘nfatto,
‘Ncielo se va, ‘ncielo se va.
Se va comm’a lo viento e, a ll’intrasatto,
Guè, saglie sà, guè, saglie sà!

Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Funiculì, funiculà,
Funiculì, funiculà!
‘Ncoppa jammo, jà,
Funiculì, funiculà!

Se n’è sagliuta, oje nè, se n’è sagliuta
La capa già, la capa già.
È ghiuta, po’ è tornata, po’ è venuta,
Sta sempe ccà, sta sempe ccà.

La capa vota, vota attuorno,
Attuorno a te, attuorno a te.
Lo core canta sempe ‘no taluorno:
Sposammo, oje nè, sposammo, oje nè!

Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Jammo, jammo,
‘Ncoppa jammo, jà!
Funiculì, funiculà,
Funiculì, funiculà!
‘Ncoppa jammo, jà,
Funiculì, funiculà!