Lavoro tra li pecuri e li cani

Ambrogio Sparagna

Il Maestro Ambrogio Sparagna suona “Lavoro tra li pecuri e li cani” all’organetto. Canta Raffaello Simeoni.

TESTO

E io dormo fra le pecore e li cani
pe’ fa’ magna’ l’agnelli a li padroni
pe’ fa’ magna’ l’agnelli a li padroni.

E li padroni so’ tanto gentile
come la scorza a lo mese d’aprile
come la scorza a lo mese d’aprile.

Se magnano la carne li padroni
e a noi ce danno l’ossa come i cani
o a noi ce danno l’ossa come i cani.

Vonno li meglio frutti de stagione
e vonno lu cappone anche a Natale
e vonno lu cappone anche a Natale.

Vonno li nostri figli a fà il garzone
e quelli loro a fare il professore
e il figlio loro a fare il professore.

E se prima avessi conosciuto lo padrone
ti giuro mi sarei fatto frate
ti giuro mi sarei fatto frate.

Io invece avrebbe pigliato il bastone
e tante glie darei di bastonate
e tante glie darei di bastonate.

Ma non daremo più le bastonate
ma con le lotte li famo morire
ma con le lotte li famo morire.