A strina cusentina

Mimmo del Sud

A Strina cusentina“(Strina Cosentina) – L’originale con testo.

La strina è un canto augurale e di questua, in genere eseguito nel periodo natalizio o comunque invernale, particolarmente diffuso in Calabria, ma anche in Sicilia, in Puglia (in particolare nel Salento) e in generale nel Sud dell’Italia. Gli “strinari“, un gruppo di persone con strumenti di vario tipo, si recano a cantare e suonare davanti alle case degli amici al fine di augurargli buon anno e ottenerne in cambio generi alimentari come salami, formaggi, dolci e vino per festeggiare.

TESTO

Senz’essa richiamati simu venuti,
oi simu venuti
cari signuri siti i bon truvati
cari signuri siti i bon truvati.

Stu cantu bellu e a strina cusentina,
oi cusentina
e ra cantamu fino a ra mattina
e ra cantamu fino a ra mattina.

Mo che è Natali e nascia lu Signuri,
oi lu Signuri
adduvi gliamu nua c’è adduri i gliuri,
adduvi gliamu nua c’è adduri i gliuri.

Di stu friddu nua u ni spagnamu,
nua u ni spagnamu
s’aprite a porta u ni dunamu u manu,
s’aprite a porta u ni dunamu u manu.

A porta mo se aperta e nua trasimu,
oi nua trasimo
speriamu ca ci stamu finu u matinu,
speriamu ca ci stamu finu u matinu.

Stu patruni i casa e nu Signore,
oi nu Signore
na datu u vinu propriu cu ru core,
na datu u vinu propriu cu ru core.

E na invitatu puru a n’assittari,
puru a n’assittari
picchi è cuntiantu e vo ca amimangiari,
picchi è cuntiantu e vo ca amimangiari.

Era Signora vostra a già priparatu,
ha già priparatu
pu cantaturi e a chiri ca hannu sunatu,
pu cantaturi e a chiri ca hannu sunatu.

Siantu lu strusciu di nu tavulatu,
di nu tavulatu
chissu è a patruna ca piglia e suppressata,
chissu è a patruna ca piglia e suppressata.

E mentra fora chiova a catrinedda,
oi a catrinedda
vicinu u vinu ce pura a panzareddra,
vicinu u vinu ce pura a panzareddra.

Siantu lu sctrusciu di na cassarola,
di na cassarola
chissu è a patruna ca fria sazizza e ova,
chissu è a patruna ca fria sazizza e ova.

E lu patruni spica nu prisuttu,
oi nu prosutto
u nu tagliari dunamillu tutti,
u nu tagliari dunamillu tutti.

Siantu lu strusciu di nu tavulinu,
di nu tavulinu
chissa e a patruna ca porta ancora vinu,
chissa e a patruna ca porta ancora vinu.

D’intra a sa casa aviti tutti i cori,
oi tutti i cori
chi Diu vi fa campari intra l’amuri,
chi Diu vi fa campari intra l’amuri.

Chi Diu vi manda tantu migliu e granu,
tantu migliu e granu
quantu ni fa Cusenza e Curiglianu,
quantu ni fa Cusenza e Curiglianu.

Lu tiampu sta passannu e mo è matina,
oi mo è matina
tra poco si finiscia putu a Strina,
tra poco si finiscia putu a Strina.

Sta canzuna è antiva e vua a sapiti,
oi vua a sapiti
speriamu ca l’aviti vua gradita,
speriamu ca l’aviti vua gradita.

Lu gaddru canta e se sentatu luntanu,
si sentatu luntano
stativi buani nua ninni gliamu,
stativi buani nua ninni gliamu.