Viale del Re

Nino Manfredi

Nino Manfredi canta “Viale del Re“.

TESTO

Io la canto ma non è una canzone.
È un’escursione storica-romantica-toponomastica per le strade e i vicoli della memoria.
È una specie di viaggio all’interno del mio… come dire, del miocardio.
Eh sì, perché si era vostro, era de tutti.
Ogni strada de ‘sta città
specie sotto la luna
per il gusto de famme addanna’
me ricorda quarcuna
Me ricordo che ar Pincio Dorina dagli occhi turchesi
mi giurò eterno amore e la cosa durò un par de mesi
Via Margutta 38/c
c’ho baciato Fiorenza
poi ‘na sera dovetti parti’
me fini’ la licenza
Marilù s’affacciava a un barcone ar quartiere Salario
era assai innammorata de me ma sposò ‘n antiquario
be’, sai, so’ quelle cose…
C’era un chiosco che più non c’è
verso Porta Maggiore
là co’ Giulia pijavo er caffè
doppo fatto l’amore
Annabella abitava ar Bersito in un (?)
e metteva le corna ar marito ma solo co’ me
be’, solo co’ me, basta credece…
Caterina stava più in là
a via Quattro Fontane
pe’ sfamamme rubava ar papà
li bollini der pane
San Lorenzo me parla di Elisa e del suo appuntamento
l’aspettai e lei invece restò sotto ar bombardamento
(Eh sì, perché la vita è fatta anche di questo, e in quel momento c’era la guerra!
E siccome io non so’ molto portato pe’ fa’ er gueriero, come se dice, I gave myself: me so’ dato.
Dice: ma perché, c’avevi paura? Sì, e questo è il bello. Perché se tutti c’avessero paura, la guerra non la farebbe più nessuno.)
Sara stava a Cinecittà
in un bar latteria
la Gestapo la venne a pija’
perché era giudia
Margherita faceva la (?) al Teatro Odescalchi
e durante le prove con lei me inguattavo nei palchi
(Be’, certo che Roma è una città unica. Io tante volte me domando come fanno a campà quei poveracci che non vivono a Roma.
Dice: ma è diventata una città invivibile, tutti se ne vonno anna’. Ma restano tutti qua! È il fascino della Città Eterna!
Io per esempio sto a Roma da quando so’ nato, no?, e c’ho avuto la fortuna di restare ragazzo a lungo, per cui me so’ innammorato un sacco de vorte.
Ma poi quanno vai a strigne t’accorgi che gli amori so’ come le malattie: te ricordi solo quella più importante.)
Ogni strada de ‘sta città
me ricorda quarcuna
ma una strada la devo scansa’
specie sotto la luna
ché se passo pe’ viale Trastevere, viale del Re
me ne moro, Mari’, me ricordo sortanto de te
sortanto de te!