Testa Ca Nun Parra

Liscìa

Liscìa in “Testa Ca Nun Parra“.

Il titolo della canzone riprende un antico proverbio siciliano: “Testa ca nun parra si chiama cucuzza“, ovvero “Testa che non parla si chiama zucca“. Quante parole non dette, quante emozioni represse… e se le tieni dentro te, “il miele dolce può trasformarsi in veleno”… e ti fa stare male. In un momento come questo, in cui il contatto fisico è forzatamente limitato, cerchiamo almeno di trasmettere quanto più possibile i nostri pensieri e i nostri sentimenti. Ecco, quindi, il  brano: “Testa ca nun parra”.

Musica: Alfonso D’Amora
Testo: Alessandra Tamburella
Acquerello nel video di Simona Astazi.

Alfonso D’Amora: chitarra nylon Taylor, Emerald Amicus, sintetizzatore.
Alessandra Tamburella: Voce.
Registrazione e missaggio di Alfonso D’Amora.

Canale facebook della band: facebook.com/Liscìa

Proprietà esclusiva degli autori, depositato S.I.A.E.
Per qualunque utilizzazione scrivere a [email protected]

TESTO

Si mi voi beni, Nun ta scantari,
Si mu voi riri, Nun t’affruntari!
Mi voi vasari, picchì nu fai?
Pensi ca nun viru l’occhi ca hai?

Na buzza china ri emuziuna,
‘mpagghiazzati, ri mille culura,
Se ni nesci, si ponnu ammiscari,
E ti cunfunni su quali voi usari

I paruli n’ana abbruciari,
Pagghia nan’addivintari,
Je penzu, ‘n menzu a viuzza:
Testa ca nun parra è cucuzza

A ghienti chidda tinta,
A malaerva, nun fari finta
A pigghi, a strazzi e nda munnizza a ietti,
Annunca a tìa idda ti ci metti

I paruli n’ana abbruciari,
Pagghia nan’addivintari,
Je penzu, ‘n menzu a viuzza:
Testa ca nun parra è cucuzza

I paruli como li ciuri,
Linchino u cori d’amuri,
Je penzu, ‘n menzu a viuzza:
Testa ca nun parra è cucuzza.

L’emuziuna nescili tutta,
Annunca a to vita è rutta,
Si teni intra u mieli ruci
Si fa vilenu e ti metti ‘n cruci.

TRADUZIONE

Se mi vuoi bene, non spaventarti,
Se vuoi dirmelo, non vergognarti,
Mi vuoi baciare, perché non lo fai?
Pensi che non lo capisca dal tuo sguardo?

Una borsa piena di emozioni,
Tutte ammassate, di mille colori,
Se non le tiri fuori possono mescolarsi,
E ti confondi su quali vuoi usare.

Le parole non possono bruciare,
Non possono diventare paglia
E penso, in mezzo alla viuzza:
Testa che non parla è una zucca!

Della gente malvagia,
della cattiveria non fare finta,
Prendila, strappala, buttala nell’immondizia,
Altrimenti lo farà lei con te.

Le parole non possono bruciare,
Non possono diventare paglia
E penso, in mezzo alla viuzza:
Testa che non parla è una zucca!

Le parole come i fiori,
Riempiono il cuore d’amore,
E penso, in mezzo alla viuzza:
Testa che non parla è una zucca!

Le emozioni tirale fuori,
Altrimenti ti rovini la vita,
Se tieni dentro il miele dolce,
Diventa veleno e ti mette in croce.