Su dillu de su pastore

Sonos in Cumpanzia

A grande richiesta pubblichiamo il video dell’intervento andato in onda su Sardegna Live in occasione dell’evento “Su binti de Maju” a cura dell’Associazione Culturale “Murales” – Orgosolo.

TESTO

SU DILLU DE SU PASTORE” (testo di Banne Sio)

Murghen sa roba / cun cuidadu
Però su late / mal’est pagadu
Naran chi cussu / est su mercadu
Pro che trampar’a / malefadadu.

Bogar’a campu / contos a craru
Tando su preju / essit prus caru

Cuntratu iscritu / cherimus nois
Ca si no l’amus / ridides bois.

Da sos anzones / sun a sa lasca
E no nde pagan / mancu pro pasca
E cun sa lana / si faghen ricos
Pagos mercantes / cun coros fritos.

S’industriale / cumandat bancas

E su pastore / mancu sas tancas
Cooperativas / cantu nde cheres
Sunu teracas / de falsos meres.

Sos sindacados / servitziu caru

A su pastore / non dan amparu
Sos banchieris / pagu dinare
Sos sartos nostros / pro agangare.

Totus unidos / a batallare
Su pastoriu / pro mezorare
Artzia sa conca / pastore sardu

Sa dinnidade / pro istendardu.

TRADUZIONE

Mungono le pecore con impegno,
Però il latte è mal pagato.
che cosi funziona il mercato,
Per sfruttare il lavoro del pastore.

Per ottenere davvero un prezzo di mercato

È necessaria la trasparenza dei dati.
Così come è necessario un contratto scritto,
Per dare garanzie ai pastori.

Il mercato degli agnelli è sempre più alterato;
Nemmeno a Pasqua pagano il prezzo congruo.
Con la lana, invece, si arricchiscono

Pochi mercanti dal cuore duro.

L’industriale comanda le banche
Ed il pastore nemmeno le “tanche”.
Le cooperative troppo numerose,
Spesso sono guidate da scaltri dirigenti.

I sindacati si fanno pagare,
Ma non difendono il lavoro del pastore.

Le banche accordano pochi prestiti
E contribuiscono ad affondare il settore.

Dobbiamo lottare tutti uniti,
Per garantire un futuro al comparto ovicaprino.
Alza la testa pastore sardo;
La dignità sia il tuo stendardo.