Giuvanne co ‘a chitarra

Renato Carosone

YouTube player

Renato Carosone in “Giuvanne co ‘a chitarra“. Tu vuo’ fa’ l’ americano, realizzato il 12 gennaio 1995 da Raiuno al Teatro Mercadante di Napoli, propose il percorso artistico dell’ autore di “Pigliate ‘na pastiglia”, dagli esordi come trasgressivo reinventore delle vecchie melodie, ai successi americani alla Carnegie Hall di New York, ai trionfi versiliani della “Bussola”. E compiaciuto Carosone: “E il primo vero omaggio che, dopo tanti anni, la Rai mi dedica. Non ho voluto presentatori nel programma. Siccome pero’ non potevo pretendere di invadere con la mia presenza tutta la serata, ho voluto accanto degli amici, che interpreteranno alcune mie canzoni”. Quella di Renato e’ una lunga storia musicale, che inizia da bambino quando seguiva il padre impresario teatrale e musicista: “Papa’ suonava il mandolino e la chitarra. Grazie a lui ho cominciato a studiare il pianoforte”. Poi venne la lunga parentesi africana. Carosone rimase nove anni nelle colonie italiane, guadagnandosi da vivere come pianista nei locali notturni. Li’ comincio’ la sua conoscenza del jazz e, quando torno’ a Napoli dopo la guerra, senti’ il bisogno di contaminare le vecchie canzoni con i nuovi ritmi d’ Oltreoceano. Tuttavia non partecipo’ mai al Festival partenopeo: “La tradizione napoletana era ancora ferma all’ anteguerra. Io invece volevo offrire al pubblico, con ironia, la possibilita’ di divertirsi, di ballare con il nostro patrimonio melodico, riarrangiato in una maniera moderna”.

TESTO

‘A séra, ‘a còpp’ ‘e viche,
cu ‘a chitarra, scénne pe’ Tulèto.
Tène ‘a cravatta gialla
e na giacchètta cu ‘a spaccata arrèto.
‘E scarpe a varchetèlla
e nu cazóne fatto a zompafuósso.
E chi s’avòta ‘a ccá,
e chi s’avòta ‘a llá
guardánnolo ‘e passá.

‘O chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra…
pecché sape cantá tutt”e ccanzóne.
E’ stato ‘nnammurato ‘e na figlióla
che ll’ha lassato miézo scumbinato…
E pòrta ‘e sserenate ê ‘nnammurate:
pe’ ciénto lire canta “Anema e còre”,
pe’ cincuciénto fa ll’americano:
s’arrangia a ‘mpapucchiá “Johnny Guitarra”…
‘O chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra…
pecché sape cantà tutt’e ccanzòne

Na séra fuje chiammato,
pe’ na fèsta, sott’a nu balcóne
ô vico Scassacòcchi,
primmo piano, ‘ncòpp’a nu lampióne.
‘A mana lle tremmaje
‘sta serenata jéva a Margarita.
Cu ‘sta chitarra ccá,
tu mo che cante a ffá?
Pe’ chi se vò’ spassá?

E ‘o chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra
pecché sape cantá tutt’ ‘e ccanzóne.
E’ stato ‘nnammurato ‘e na figlióla
che ll’ha lassato miézo scumbinato.

E canta ànema e còre
E canta ‘o quarto ‘e luna
na vóce e na chitarra,
malafémmena e Zazzà.
E dòppo o ciucciariéllo
sta a ffà scapricciatiéllo,
stanno vicino a mme,
Maruzzella maruzzè.

‘O chiámmano Giuvanne cu ‘a chitarra
pecché sape cantá tutt’ ‘e ccanzóne.

Puoi scrivere ulteriori informazioni e il TESTO nei commenti. GRAZIE.

Lascia un commento