Je so’ pazzo

Pino Daniele

Pino Daniele, all’anagrafe Giuseppe Daniele (Napoli, 19 marzo 1955 – Roma, 4 gennaio 2015), è stato un cantautore, musicista e compositore italiano.

Il cantautore prende spunto dall’ultimo discorso pubblico di Masaniello, portavoce della collera del popolo napoletano, e si reincarna in un nuovo Masaniello, l’io narrante della canzone, pronto a dar voce ai bisogni e all’irrequietezza di una generazione in tempi e contesti mutati. Con i versi corrosivi rivendica la propria libertà di denunciare e di protestare senza la necessità di mediazioni o giri di parole, giacché si dichiara insano di mente e perciò non perseguibile dall’autorità costituita, a differenza del capopopolo napoletano del Seicento giustiziato dal potere spagnolo.

TESTO

Je so’ pazzo je so’ pazzo
E vogl’essere chi vogl’io
Ascite fora d’a casa mia
Je so’ pazzo je so’ pazzo
Ci ho il popolo che mi aspetta
E scusate vado di fretta
Non mi date sempre ragione
Io lo so che sono un errore
Nella vita voglio vivere
Almeno un giorno da leone
E lo Stato questa volta
Non mi deve condannare
Pecch so’ pazzo
Je so’ pazzo
Ed oggi voglio parlare.
Je so’ pazzo je so’ pazzo
Si se ‘ntosta ‘a nervatura
Metto a tutti ‘nfaccia o muro
Je so’ pazzo je so’ pazzo
E chi dice che Masaniello
Poi negro non sia pi bello?
E non sono menomato
Sono pure diplomato
E la faccia nera l’ho dipinta
Per essere notato
Masaniello crisiuto
Masaniello turnato
Je so’ pazzo
Je so’ pazzo
Nun nce scassate ‘o cazzo!

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]