Tanto Pe’ Cantà

Nino Manfredi

Tanto pe’ cantà è una canzone di Ettore Petrolini (musica) e Alberto Simeoni (testo). Composta nel 1932. La sua notevole popolarità è dovuta anche alle interpretazioni offerte da numerosi attori e cantanti celebri.

La versione più popolare e nota resta quella incisa da Nino Manfredi per il Festival di Sanremo 1970, con arrangiamenti del maestro Maurizio De Angelis, e rimasta vari mesi nelle hit-parade. Manfredi, calandosi da “attore” nella parte del personaggio, l’ha trasformata in un “atto” unico di teatro, limitandosi a cambiare la parola rintontoniva con rincojoniva (“sennò all’estero non capivano”, disse scherzosamente Manfredi in un’intervista).

TESTO

È una canzone senza titolo
tanto pe’ cantà,
pe’ fa quarche cosa…
non è gnente de straordinario
è robba der paese nostro
che se po’ cantà pure senza voce…
basta ‘a salute…
quanno c’è ‘a salute c’è tutto…
basta ‘a salute e un par de scarpe nove
poi girà tutto er monno…
e m’a accompagno da me…

Pe’ fa la vita meno amara
me so’ comprato ‘sta chitara
e quanno er sole scenne e more
me sento ‘n core cantatore.
La voce e` poca ma ‘ntonata,
nun serve a fa ‘na serenata
ma solamente a fa ‘n maniera
de famme ‘n sogno a prima sera…

Tanto pe’ cantà
perché me sento un friccico ner core
tanto pe’ sognà
perché ner petto me ce naschi ‘n fiore
fiore de lillà
che m’ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m’aritontoniva de bucie.

Canzoni belle e appassionate
che Roma mia m’aricordate,
cantate solo pe’ dispetto,
ma co’ ‘na smania dentro ar petto,
io nun ve canto a voce piena,
ma tutta l’anima è serena
e quanno er cielo se scolora
de me nessuna se ‘nnamora…

Tanto pe’ cantà
perché me sento un friccico ner core
tanto pe’ sognà
perché ner petto me ce naschi un fiore
fiore de lillà
che m’ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m’aritontoniva de bucie.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]