Mi te’ sete

Versi di Nino Saraceni e Musica di Antonio Di Jorio

Corale dell’U.T.E. – Teatro Fenaroli di Lanciano – 29 Maggio 2011 – Saggio di fine anno accademicoM° Giuseppe CasciatoMusicisti: Bruno Manzitti al mandolinoCetteo Di Tommaso alla fisarmonica e Francesca Piccirilli al pianoforte – Solista Luciano Flamminio con la voce fuori campo di Lorella Palumbi.

TESTO

Solo Rusinè gna viè ‘la fonte,
nchi ssa conca rilucente
tutte l’uocchie guard’a tte,
E lu sole accàpe ammonte,
nchi li raggie cchiù splindente,
ca siè schicche fa vidè.

Coro Sciabbindette chi t’ha fatte,
gioia me!
Pronta pronte piesse tu
e la sete cresce a mmè.
Tutte l’acque di la fonte ch’arivonte,
nin mi conte p’armurì.
Pronte Pronte viè Rusì,
E mi sente allanganì.
Mi tè sete di ‘ssa vocche che nzi tocche
e m’attocche da bbuzzà.

Solo Rusinè siè bbelle tante
ma di core nti niente
si ti piace a fa suffrì.
Sta passiona mè fucante
tu li sie ca mi turmente
e nin farme allanganì.

Coro Sciabbindette chi t’ha fatte,
gioia me!
Pronta pronte piesse tu
e la sete cresce a mmè.
Tutte l’acque di la fonte ch’arivonte,
nin mi conte p’armurì.
Pronte Pronte viè Rusì,
E mi sente allanganì.
Mi tè sete di ‘ssa vocche che nzi tocche
e m’attocche da bbuzzà.

Solo Rusinè, siente gna cante
‘ss’acqua chiare di la fonte,
pe’ spieghà
lu bbene mè.
Nin fa recchie da mircante,
dusilije quante accònte
ca i’ pense sole a tte.

Coro Sciabbindette chi t’ha fatte,
gioia me!
Pronta pronte piesse tu
e la sete cresce a mmè.
Tutte l’acque di la fonte ch’arivonte,
nin mi conte p’armurì.
Pronte Pronte viè Rusì,
E mi sente allanganì.
Mi tè sete di ‘ssa vocche che nzi tocche
e m’attocche da bbuzzà.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]