Mannaja all’ingegneri

Enzo Marando & Lucio Lucetti

Mannaja all’ingegneri” interpretata da Enzo Marando & Lucio Lucetti, canto satirico d’emigrazione, composto con strofe raccolte dai vari emigranti calabresi in giro per il mondo. E’ tratto dall’lp “Scibilia nobili” del 1977, ed è reperibile su cd nella raccolta “Otello Profazio”, 2 cd + libro, edita dalla Squilibri di Roma. [Fonte: ildeposito.org]

TESTO

E mannaja all’ingegneri
che ingegnò la ferrovia!
Ca se non faciva le mezzi
all’America non si ia.
(tutta la strofa 2 volte).

Argentina: a cu futti, a cu ruvina.
Venezuela: megghiu ‘a pesti ‘e lu culera.

E l’America di norti,
la Repubblica argentina:
la munita si guadagna,
la saluti si ruvina.
(tutta la strofa 2 volte)

Stati Uniti: va! pruvati ca viditi!
Cannatà: disgraziato a cu ci va.

E se tindi vò veniri
All’America cu mia,
ti lu pagaria lu trenu
e puru la ferrovia
(tutta la strofa 2 volte).

Stati Uniti: va! pruvati ca viditi!
Cannatà: disgraziato a cu ci va.

E’ l’America un beddrhu paisi
e beatu cu ci va:
c’è da moriri di risi
puru i cafuni parlunu ‘ngrisi.
(tutta la strofa 2 volte).

Argentina…

E mannaja all’ingegneri…

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 1 Media: 5]