La Ciapa Rusa

Re Gilardin

(da “Ten da chent l’archet che la sunada l’è longa – Canti e danze tradizionali dell’ Alessandrino” 1982).

LYRICS:

Re Gilardin, lü ‘l va a la guera
Lü el va a la guera a tirar di spada

O quand ‘l’è stai mità la strada
Re Gilardin ‘l’è restai ferito

Re Gilardin ritorna indietro
Dalla sua mamma vò ‘ndà a morire

O tun tun tun, pica a la porta
O mamma mia che mi son morto

O pica pian caro ‘l mio figlio
Che la to dona ‘l g’à ‘n picul fante

O madona la mia madona
Cosa vol dire ch’i cantan tanto?

O nuretta, la mia nuretta
I g’fan ‘legria ai soldati

O madona , la mia madona
Disem che moda ho da vestirmi

Vestiti di rosso, vestiti di nero
Che le brunette stanno più bene

O quand l’è stai ‘nt l üs de la chiesa
D’un cirighello si l’à incontrato
Bundì bongiur an vui vedovella

O no no no che non son vedovella
g’l fante in cüna e ‘l marito in guera

O si si si che voi sei vedovella
Vostro marì l’è tri dì che ‘l fa terra

O tera o tera apriti ‘n quatro
Volio vedere il mio cuor reale

La tua boca la sa di rose
‘nvece la mia la sa di terra.

La Ciapa Rusa – Re Gilardin