Lu Sittaturu

Gruppo folk ‘Nzegna

Live all’Hotel Mirage Torre Santa Sabina (Marina di Carovigno).

E’ una serenata che assume la forma di un lamento, forse perché chi canta sa già di avere poca speranza nel corteggiamento. E’ un canto damore impossibile, è la serenata di un perdente che a tratti si inalbera per questa situazione senza uscita, evocando una spina che possa ficcarsi nel piede dell’amata.

TESTO

Qua nn’anti m’agghia fa nu sittaturu
t’agghia uardà la notti
e t’agghia uardà la notti,
t’agghia uardà la notti
e lu giurnu puru.

Non agghiu ce ti to, nu cori tegno
ci ti lu tou a te
e ci ti lu tou a te,
ci ti lu tou a te senza rimagno.

Rit:
Ah, ah, ah tiavulu falla ttruppicà
cu na spina nta lu peti
cu no pozza caminà.

A mari vani tu a mari vegnu
ci vecu ca ti mieni
e ci vecu ca ti mieni,
ci vecu ca ti mieni iu mi ni tornu.

No so ti quinnicianni e tu mi vuei
timmi ti la mia vita,
timmi ti la mia vita,
timmi ti la mia vita ce n’ha fari.

Rit.

TRADUZIONE

Qui davanti mi voglio sedere
per guardarti la notte
e per guardarti la notte,
per guardarti il giorno
e la notte.

Non ho che darti, ho un cuore,
se lo do a te
e se lo do a te,
se lo do a te rimango senza.

Rit:
Ah, ah, ah diavolo falla inciampare
con una spina nel piede
che non possa camminare.

A mare vai tu e a mare vengo anch’io
se vedo che ti getti
e se vedo che ti getti,
se vedo che ti getti io me ne torno.

Non sono di quindici anni e tu mi vuoi
dimmi della mia vita,
dimmi della mia vita,
dimmi della mia vita che ne vuoi fare.

Rit.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]