Aria te li trainieri

Gli Ucci

Gli Ucci cantano “Aria te li trainieri

Dal CD “Bonasera a quista casa”, Ed. Aramirè, 1999.

TESTO

Aggiu persulu sonnu ca de l’occhi mei
ca scendu e benenendu passando de quai.

E lu pregiu de lu trainu è lu cavallu
e lu pregiu de la donna è lu cappellu.

Amame beddha e rienime ma lu core
ca se bo’ me senti sta ca sera cantare

E amame bella mia
ca tegnu cose
e tegnu nu panerinu de cerase.

E cavallu famme fare ca mo’ sta salita
e ca a Napoli te cattu ca la sonajera.

TRADUZIONE

Ho perso il sonno dei miei occhi
con il mio andare, venire e passare di qua.

Il vanto del carro è il cavallo
e quello della donna sono i capelli.

Amami mia bella e tienimi il cuore
se vuoi sentirmi cantare stasera.

Amami mia bella
che ho delle cose (per te)
ho un panierino di ciliege.

Cavallo ora fammi fare questa salita
che a Napoli ti comprerò la sonagliera

[fonte: laterradelrimorso.it]