Fenesta ca lucive

Gino Paoli

Gino Paoli canta “Fenesta ca lucive” con Giogio Gaber alla chitarra. La canzone fu pubblicata nel 1842 dalle edizioni Girard come opera di Guglielmo Cottrau, noto editore di musiche napoletane, Vincenzo Bellini (musica) e Giulio Genoino (testo), poi ripubblicata dodici anni più tardi con l’aggiunta di due strofe dall’editore Mariano Paolella. La canzone nasce da un’antica melodia seicentesca,  tratta da una poesia siciliana cinquecentesca di Matteo di Ganci, ispirata alla storia della baronessa di Carini. La canzone è nella colonna sonora del film “Il Decameron” di Pier Paolo Pasolini, che l’aveva già utilizzata nel suo primo film “Accattone”. [fonte: www.napoligrafia.it]

TESTO

Fenesta ca lucive e mo nun luce,
sign’è ca nénna mia stace malata.
S’affaccia la surella e mme lu dice:
“Nennélla toja è morta e s’è atterrata”.

Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co’ li muorte accompagnata.

a’ dint’ ‘a cchiesa, e scuopre lu tavuto,
vide nennélla toja comm’è tornata.
Da chella vocca ca n’ascéano sciure,
mo n’esceno li vierme. Oh, che piatate.

Zi’ parrocchiano mio, ábbece cura,
na lampa sempe tienece allummata

mo dorme co’ li muorte accompagnata.

TRADUZIONE

Finestra che luccicavi e ora non luccichi,
è segno che la mia bambina è malata.
Si affaccia la sorella e me lo dice:
“La tua donna è morta ed è stata seppellita”.

Piangeva sempre perchè dormiva sola,
ora dorme in compagnia dei morti.

Vai nella chiesa, e scopri la bara:
vedi com’è ritornata la tua bambina.
Da quella bocca da cui uscivano fiori,
ora ne escono vermi.. Oh, che pietà.

Sacerdote mio, abbine cura,
una candela tienile sempre accesa.

ora dorme in compagnia dei morti.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]