Nannarella

Gabriella Ferri

Finita la seconda guerra mondiale, sembravano finite anche le canzoni romane e dalle rovine emersero le canzoni piene di nostalgia come “Roma forestiera(Nannaré)” scritta da Armando Libianchi e musicata da Luigi Granozio.

TESTO

Che belli tempi quanno pè l’urione
c’era ogni giorno er sòno de ‘n pianino
accordi de chitara e mandolino
e Nina s’affacciava dar balcone
era un motivo semplice
che ariscallava l’anima
de Roma nostra piena de bontà

Nannarè!
perché, perché te sei innammorata
de stà musica americana?
ma perché te sei scordata che sei romana
li stornelli nun canti più?
for de porta in carozzella
a ballà la tarantella
Nannarella nun vieni più
e li fiori a la loggetta cò le spighe e la rughetta
Nannarella nun ce sò più
c’era ‘na vorta tutto quer che c’era…
povera Roma nostra forestiera!

a chi la famo ormai sta serenata
vecchia chitara amica de stò core?
er canto de stò popolo tenore
è n’armonia de favola passata
oggi le “baby” canteno
tutte canzone a ritmo
e Nina mò la chiameno “Nelly’”

Nannarè!
perché, perché te sei innammorata
de stà musica americana?
ma perché te sei scordata che sei romana
li stornelli nun canti più?
for de porta in carozzella
a ballà la tarantella
Nannarella nun vieni più
e li fiori a la loggetta cò le spighe e la rughetta
Nannarella nun ce sò più
c’era ‘na vorta tutto quer che c’era…
povera Roma nostra forestiera!