Èla, Èlamu Kondà

Canto in greco di Calabria all’organetto

Ela elamu kondà, ti ego imme manachò! che, tradotto, vuol dire: “Vieni, vienimi vicino, perché io sono solo!.

In occasione della visita dell’Associazione Ostro a Gallicianò(RC), i suonatori del luogo e dintorni ci omaggiarono con il loro Suono. Questa ripresa è stata fatta presso una trattoria del posto. Suona e canta Totò Navella, insieme a Raffaele Rodà ed altri amici della comunità di Gallicianò(Calabria).

TESTO

Esù miccèddha, ti isse an tin ozzìa
c’egò pedì ti imme an ton jalò,
arte ti ejenàstise megàli
egò thelo na se prandestò.

Ela, ela mu condà,
ti egò imme manachò.

O potamò èrkete an tin ozzìa
ce catevènni cato ston jalò,
ciòla t’azzària ti ene dizzamèna
èrkondo ce pinnu to glicìo nerò.

San èrkete o mina tu majìu
olos o cosmo fènete chlorò
ce tragudùsi ola ta puddhìa
jatì amènu ton calò kerò.

San i zoì dikìma ene palèa
parakalùme viàta to Christò,
den thelo de na fao cede na pio,
na ciumithò methèsu manachò.

(Qui trovi la TRADUZIONE)

Griko e Grecanico: Lingua Greca d’Italia

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]