E la mia Mama l’è vecchierella

Ande cante e bali

Ande cante e bali in “E la mia Mama l’è vecchierella” – Musica popolare veneta.

Questa ballata, più nota come “La bevanda sonnifera“, è una delle più diffuse in tutto il settentrione italiano. In genere le ballate del Nord-Italia hanno stretti legami con quelle di area franco-provenzale e catalana. In questo caso la prima parte della canzone (l’incontro fra la ragazza e il cavaliere alla fontana), riprende un tema proveniente dalle aree suddette, mentre il motivo della seconda parte (l’addormentamento tramite narcotico del cavaliere e quindi l’inganno), trova riferimento con le ballate del Nord-Europa. [Fonte: digilander.libero.it/icomcae]

TESTO

E la mia mama l’è vechierela, e la mia mama l’è vecchierela
e la mia mama l’è vechierela suso bonora mi fa levar.

E la mi mete el sechieto in spala e la mi mete el sechieto in spala
E la mi mete el sechieto in spala e a la fontana mi fa andar.

E co fui stata metà la strada e co fui stata metà la strada
e co fui stata metà la strada ed un bel giovine mi gò incontrà.

E ‘ndove vastu bela Silieta e ‘ndove vastu bela Silieta
e ‘ndove vastu bela Silieta sola soleta per la città.

Io me ne vado ala fontana, io me ne vado ala fontana
Io me ne vado ala fontana dove mia mama la mi a mandà.

Io ti daria cento e ducati, io ti daria cento e ducati
io ti daria cento e ducati, solo una note dormir con te.

Speta che vada dala mia mama, speta che vada dala mia mama
Speta che vada dala mia mama, qualche consilio la mi darà.

Ciàpeli ciàpeli bela Silieta, ciàpeli ciàpeli bela Silieta,
ciàpeli ciàpeli bela Silieta, i sarà boni da maridar.

E ghe daremo la medicina e ghe daremo la medicina
E ghe daremo la medicina tuta la note lu ‘l dormirà.