Curmaia siur padron

Canzoni delle Mondine

In queste strofe viene reclamato il diritto alla festa di fine monda che consisteva nell’offerta da parte del padrone di cibo e di vino. Si trattava di un uso consuetudinario che i datori di lavoro tendevano ad abbandonare, per cui doveva essere annualmente rivendicato. In questa occasione, le donne, in una sorta di rovesciamento dei ruoli abituali, sfoggiavano atteggiamenti di aggressività e di intraprendenza nei confronti degli uomini. [Fonte: digilander.libero.it/primularossa_43]

TESTO

Curmàia curmàia
curmàia siùr padrón
sa ‘s fa nò la curmàia
‘gh taiùmma ‘l púsè bón
Cul là ch’al pàsa dès
taiègal taiègal
cul là ch’al pàsa dès
taiègal in mès
Nò nò par carità
lasègal lasègal
nò nò par carità
lasègal a stà (laségal druà).

TRADUZIONE

Curmàia signor padrone
e se non si fa la curmàia
le tagliamo quello che ha di più buono
A quello là che passa adesso tagliatelo
tagliatelo in mezzo
No no per carità
lasciateglielo stare.

Vedi anche: sciur padrun da li beli braghi bianchi