Una fresca bavisela

Coro giovanile “Città di Trieste”

Il Coro giovanile “Città di Trieste” canta “Una fresca bavisela” con i mmagini di Trieste.

TESTO

Una fresca bavisela, incomincia sa a suffiar,
de ponente sula vela,
che xe un gusto a bordisar,
te saludo dona mia,
vado in barca a panolar,
se sta note stago via;
no te devi a disperar.
Trieste dormi,
che ‘l mar,se movi apena_,
le stele brila,
e leme fa sognar,
e se sta note,
ciapo una sirena, ”
mi te la voio, . .
domani a regalar.
Go con mi tre granddi afeti,
quando vado la sul mar
go Trieste, i tui oceti.e la barca per pescar;. : .
ma domani co fa giorno,
te me sentira cantar,
mi te porterò. co’ torno.
tu_i i pessi che xe.in mar.
rieste dormi.
che’ l mar se movi apena;
le stele brila;
e le tue fa sognar, .
e se sta note,
Ciapo una Sirena,
mi te la voio,
domani a regalar,
e se sta note,
Ciapo una Sirena,
mi te la voio,
domani a regalar.