Naschid’est in sa cabanna

Coro Bachis Sulis

Naschid’est in sa cabanna” (In italiano: “È nato nella capanna“, conosciuta anche semplicemente come Naschid’Est) è un tradizionale canto natalizio Sardo, scritto da Pietro Casu ed è tratto dalla raccolta Cantones de Nadale (Canzoni di Natale), che il poeta compose, nel dicembre del 1927, in occasione della novena di Natale. Il testo, che si compone di quattro strofe (di quattro versi ciascuna), parla della Nascita di Gesù e descrive la scena come fosse un presepe. (Wikipedia)

TESTO

«Naschìd’ est in sa capanna
poberitta de Betlem
in sa notte pìus manna
de su chelu s’altu Re!»

Ritornello:
«“Gloria! Gloria!” cantan’ in chelu

lughidos anghelos pro s’ altu Re;
“Paghe vittoria!” s’ as bonu zelu,
anima povera, cantan pro te.»

«E in giru a sa domitta
de anghelos si falat
una truma beneitta
chi olende s’allumat.»

Ritornello:
«“Gloria! Gloria!” cantan’ in chelu…»

«E benian sos pastores
Incantados crè no crè
e a cussos isplendores
appuntan lestros su pè.»

Ritornello:
«“Gloria! Gloria!” cantan’ in chelu…»

«E narat dognunu in coro:
“Bambineddu, innoghe sò,
non ti atto pratta et oro
ma cust’ anima ti dò.”»