Cilento

Nello Rizzo ft Hope

Il primo inedito Cilentano. Fuori ora dopo 3 anni di assenza dal panorama di musica popolare cilentana.

Un brano che parla del Cilento, un mondo da scoprire, da vivere, da visitare e da raccontare…

Si ringrazia Silvia Villano che erroneamente non è stata inserita nei titoli di coda.

Testo, musiche e arrangiamenti di Nello Rizzo.
Alla voce Nello Rizzo e Antonietta Speranza (Hope).
Al violino Amleto Livia.

Registrazione, mix e master effettuato presso il Cilento Record.
Video a cura di Nello Rizzo.

TESTO

La mamma ca sta arreto a la fenestra
Te sape rice tutti li fatti tuoi
Ca si te vere pe miezzo a la via
Si gghiuricata prena e manco Cristo lu sapia.
Lu viecchio ca è assettato annanzi a la putea
Te guarda cu na faccia assai curiosa
Te face cu la mano vieni vieni
Sulamente pe te rice “ne wagliò ma a chi appartieni?”

E miezzo a na piazzetta tre criature
La mamma ca s’affaccia a la fenestra
R’allucca “figlio caro torna priesto
Si no po quanno sagli angappi pur u riesto”.
La nonna c’u nipote nnandi casa
L’alliscia chiano chiano e se lu vasa
E tra leggende e cunti antichi e belli
L’appaura tra ianare e munacielli.

Rit. Ciliento ca te vanto mmiezzo a ciento
Ciliento re brianti e re cantanti
Ciliento tra lu mari e tra lu viento
Ciliento ccà se campa fino a ciento.

Lu patre re famiglia lu ricunusci
Ca torna scusciuliato ra la campagna
Te rice sorridente e soddisfatto
“i bbuò sti pummarole c’aggia fatto?”
E mentre te regala nu panaro e pummarole
Esse sculettanno ra ind’a nu purtone
La figlia ca nu re piace proprio la fatia
E u patre ca iastema comm’a nu turco pe la via.
“Marì mannaggia a te ma a chi si figlia?
Ma mammata lu sape ca si assuta?”
“papà aggia ì a la messa cu Cuncetta”…
Ma Peppo rind’a u vucculo l’aspetta

Rit. Ciliento ca te vanto miezzo a ciento…

Mo v’aggia fa nu fatto ca ve parrà assai strano
Nu cunto re tre vecchie che sono ancora vive.
Stateve accorte mo e sentiti bbuono…
Ca chisto è nu cunto vero, gruosso quant’a nu truono.

Lu iuorno re la festa re lu patrono
La vecchiarella se va a cunfessare…
“Don Frà stanotte io v’aggia sunnato
Vui me lu riveve e io l’aggia pigliato”
A u frisco parlano ddoie vecchiarelle,
Se contano li fatti parsunali…
“Nannì ma a te mariteto s’attizza?”
“Santì c’a mmericina chiro ancora u mbizza!”.

Rit. Ciliento ca te vanto mmiezzo a ciento,
Ciliento re brianti e re cantanti.
Ciliento tra lu mare e tra lu viento.
Ciliento ccà se campa fino a ciento.
Ciliento terra verde e rigogliosa.
Ciliento re banchetti e prucessiuni.
Ciliento tra li viculi e purtuni.
Ciliento ammore odio e sentimiento.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]