Cesare: virtuoso del Friscaletto Siciliano

Sicilian flute music, called friscaletto, is popular among Sicilians who love their ancient culture and the international tourists who love Sicily

Il flauto di canna siciliano, in dialetto “friscalettu” è uno strumento sopravvissuto quasi inalterato al trascorrere del tempo. Da sempre impiegato nei complessi folkloristici siciliani, che lo hanno elevato a strumento virtuoso della musica popolare.Il “Friscalettu” (flauto a becco ), tipico strumento a fiato siciliano di origine popolare,è costituito da un cilindro di canna recante in tutto 9 fori (7anteriori e due posteriori).Strumento principe dei complessi folklorici,viene costruito solitamente nelle tonalità di Do La e Sol.

Sicily has a rich and unique culture, especially with regard to the arts, music, literature, cuisine, architecture and language.Sicily has a splendid multicultural history, thanks to the people that occupied the island during history

Il folclore della Sicilia è fatto di tradizioni, canti, balli, costumi e ricette. La nascita del folklore in Sicilia non si può fissare a una data precisa della storia, poiché esso nasce con il popolo siciliano stesso, come sintesi indissolubile dei miti che si sono fatti tradizione. Nelle poesie dialettali, nelle usanze familiari, nelle canzoni di festa o di lavoro, durante le feste religiose e gli incontri pubblici, si trova il folclore siciliano autentico fondamentale per comprendere la più profonda spiritualità dei siciliani. Chi visita la Sicilia “sente” il folklore nella vita quotidiana: nei carri addobbati, nei canti dei contadini fra i giardini profumati di agrumi, nei dolci più tipici, negli oggetti caratteristici come i “Pupi Siciliani” e i piccoli tamburi, ma soprattutto alle feste. Il folklore in Sicilia viene vissuto grazie ai gruppi folk, alle associazioni religiose che si riportano ai giorni nostri le antiche tradizioni e i canti popolari e le danze, i costumi, gli oggetti e gli abiti tipici. In Sicilia il folklore si vive in tutte le sue manifestazioni perché in esse si fondono e si intrecciano fantasia e realtà, paganesimo e cristianesimo, superstizione ed incredulità, gentilezza e prosaicità, mondo antico e mondo moderno.Tutto è storia nel folklore siciliano. I normanni infusero nel popolo uno dei sentimenti più forti e radicati, il senso della cavalleria che, ancor oggi e sopratutto con “l’opera dei pupi” e con la decorazione dei carretti, genera manifestazioni artistiche di insospettata potenza.