Canto delle lavandaie del Vomero

Letizia Calandra

E’ uno dei canti napoletani più antichi di sempre. E’ un canto d’amore risalente al Duecento (secondo altri, al XIV secolo) divenuto canto di protesta contro la dominazione aragonese, in cui il fazzoletto (moccafora) assume il significato di terra.

TESTO

Tu h’haje prommise quatto moccatore
oi moccatore
io so’ venuto se, io so’ venuto
se mme le vuo’ dare
mme le vuo’ dare
mme le vuo’ dare.
E se no quatto, embé,
dammene ddoje
oi moccatore
chillo ch’è ‘n cuollo a te,
chillo ch’è ‘n cuollo a te
n’è robba toja
n’è robba toja
n’è robba toja.