Canti sardi a tenore – Sos Antigos di Montanaru

Canti sardi a tenore: improvvisazione a Pisa.

TESTO

Fin bonos, ma guai a los toccare;
(erano buoni, ma guai a toccarli)
prite cando tenian mancamentu
(poiché quando sentivano di aver subito un furto)
perdian dogni bonu sentimentu,
(perdevano ogni buon sentimento)
prontos a ferr’in manu a bardanare.
(pronti, col ferro in mano a fare una bardana)
Sa le’ fit cussa, fatta unicamente
(la legge era quella; fatta unicamente)
cund’unu sentimentu tott’antigu
(con un sentimento del tutto antico)
trattende chin odiu su nemigu
(trattando con odio il nemico)
ogiu pro s’ogiu, e dente pro dente.
(occhio per occhio, dente per dente )
O a s’umbra de un eliche drommire
(dormire all’ombra di un leccio)
vicinu a su masone ameriadu
(vicino al gregge che meriggia)
senza custa premura e coidadu
(senza questa fretta e allerta)
chi non mi lassat sa vida godire.
(che non mi lasciano godere la vita)

Voce di Oniferi e Tenore di Bortigali…esecuzione di un canto “a s’Onieresa“.

Canti sardi a tenore - Sos Antigos di Montanaru
Canti sardi a tenore – Sos Antigos di Montanaru