Nostalgia da cà

Vittorio Castelnuovo

Attraverso la viva voce di generazioni di ticinesi, si compone così una fedele rappresentazione culturale delle sensazioni di chi emigrava.

Canta la nostalgia dell’emigrante per il suo paese, ma anche la rassegnazione dell’essere umano che sa di dover chiudere la sua vita con il ritorno nella sua terra.

TESTO

Ricordi ammò quel temp ormai luntan
quand che dal mè paes mi som partì.
La prima letra scrita a la mia mam
che lagrim e parol gh’evi impienì…

Mama che nostalgia lontan de tì
l’è ‘na malinconia che fa mörì.
I mür di casetin inscì luntan
dentar per i ricordi cum i è grand.

Mama quel campanin me par vedel
par che me taia in mezz l’azzür dal ciel.
Mama va fö a guardal, va föra ti…
Mama va fö a guardal un puu per mi.

E dopo tanti crüzi e tanti ann
al mè paes mi vöri riturnà.
Senti di voos che ciama da luntan
senti che i diis l’è bel a ritrovà…

Turnà a vedé i mè siit a vün a vün
i siit da cà i dimentica nissün.
Oh ma a dev ves pür bel turnà lì inscì
terra da mè paés ritorni a tì.

Indua che i mè ricordi i par un specc
terra lì indua che i dorm i mè pori vecc.
Terra lì indua che i dorm i mè pori vecc.