Tapum – Canto Alpino

Tapum è una delle più note canzoni della Grande guerra, nata nelle trincee italiane. Il ritornello è ispirato al rumore degli spari della fucileria austro-ungarica dove il “TA” è il rumore della pallotta e il “PUM” il rumore dello sparo del fucile Steyr Mahnnlicher m1895 in dotazione alle truppe austriache. L’attribuzione della paternità della canzone è tuttora irrisolta. Alcuni l’attribuiscono ai minatori durante il traforo della galleria del San Gottardo, mentre altri al compositore Nino Piccinelli di Chiari.

TESTO

 Venti giorni sull’Ortigara
senza il cambio per dismontà;
ta pum ta pum ta pum (due volte)
Con la testa pien de peoci

senza rancio da consumar

ta pum ta pum ta pum (due volte)
Quando poi ti discendi al piano
battaglione non hai più soldà;
ta pum ta pum ta pum (due volte)
Dietro al ponte c’è un cimitero
cimitero di noi soldà;
ta pum ta pum ta pum (due volte)
Quando sei dietro a quel muretto
soldatino non puoi più parlar
ta pum ta pum ta pum (due volte)

Cimitero di noi soldati
forse un giorno ti vengo a trovà;
ta pum ta pum ta pum (due volte).

Tapum - Canto Alpino + Testo
Tapum – Canto Alpino + Testo
Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]