Stornelli Romani – Ma che te magni

TESTO:

Li conservanti amico fanno male,
te ponno mannà pure all’ospedale,
la gente vera è sempre capocciona,
e su ste’ cose proprio nun ragiona…

Ma che nun ce lo sai la robba ghiotta,
non è quella che trovi già precotta,
il piatto fatto in casa nun’ se batte,
de certo è meglio de le scatolette…

Meglio perderce più tempo che magnà le porcherie,
e si cucini, puoi stà securo che nun t’avveleni…

Meglio ‘na matriciana fatta ‘n casa,
de quella surgelata che è balorda,
li quattro sarti fatteli a la corda,
che la padella serve a n’altra cosa…

Pe nun parlà de bibite gassate,
sò sempre troppo dorci e colorate,
te gonfiano la panza e l’intestini,
e guastano li denti ai ragazzini…

Meglio spremerse du’ arance che riempirse d’aranciata,
le vitamine te fanno bene pure al raffreddore.

La frutta de stagione è la più bona,
col gusto e cor profumo t’appassiona,
la puoi magnà tranquilla e nun te penti,
perché nun’ costa cifre esorbitanti…

Ma se te voi concede ‘na primizia,
allora auguri e crepi l’avarizia,
te poi magnà ‘na pesca pe’ natale,
ma a quanto a gusto e prezzo caschi male…

Costa cara la primizia e te magni la monnezza,
nun’ ce ragione pe’ nun comprà la frutta de stagione…

Tra merendine dolci e caramelle,
la panza te pò cresce a strippapelle,
le patatine, i fritti e le fritelle,
te ponno rovinà fegato e pelle…

E pe’ finì te dico caro amico,
che cor magnà nun ce se scherza mica,
a la salute pensa co’ costanza,
ragiona più de testa e no de panza…

Troppi grassi e troppi fritti fanno male alla salute,
magnà è un piacere, ma fà che nun te mandi all’ospedale…